Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina-Russia, come finirà la guerra? Dal «disastro» al «compromesso», i tre scenari possibili

Mercoledì 2 Marzo 2022
Ucraina-Russia, come finirà la guerra? Dal «disastro» al «compromesso», i tre scenari possibili

La guerra in Ucraina potrebbe essere l'evento «più trasformativo» dell'Europa dalla Seconda Guerra Mondiale e l'evento più pericoloso per il mondo dalla crisi dei missili a Cuba. Lo sostiene l'opinionista del New York Times Thomas Friedman in un lungo editoriale nel quale delinea tre possibili scenari della crisi: «il disastro totale», il «compromesso sporco» e la «salvezza». Al momento, scrive l'editorialista, la situazione è quella di «disastro».

Ucraina, l'Onu approva fra gli applausi la risoluzione contro l'invasione russa

Come finirà la guerra? Primo scenario: «Il disastro»

A meno che Vladimir Putin non cambi improvvisamente idea, la sua intenzione sembra quella di uccidere il maggior numero possibile di persone e distruggere tutte le infrastrutture che trova sul suo cammino in modo da cancellare l'Ucraina in quanto stato sovrano, indipendente e libero. Questo scenario, spiega Friedman, potrebbe portare a crimini di guerra che l'Europa non vedeva dai tempi del nazismo. Il mondo globalizzato, sottolinea, non ha mai avuto a che fare con un leader accusato di crimini di guerra di questo livello alla guida di un Paese che ha undici fusi orari, è uno dei maggiori fornitori mondiali di petrolio e gas e possiede il più grande arsenale di testate nucleari.

«Il compromesso sporco»

Il secondo scenario, che secondo l'analista del Nyt è poco probabile, prevede che l'esercito e il popolo ucraino siano in grado di resistere abbastanza a lungo contro la guerra lampo della Russia e che le sanzioni economiche inizino a ferire in profondità l'economia di Mosca, che si arrivi ad un «compromesso sporco». In sintesi, in cambio di un cessate il fuoco e del ritiro delle truppe russe, le enclave orientali dell'Ucraina sarebbero formalmente cedute a Mosca e l'Ucraina rinuncerebbe ufficialmente di aderire alla Nato. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti e i loro alleati revocherebbero tutte le sanzioni.

«La salvezza»

Ultimo scenario, il meno probabile, è che il popolo russo dimostri lo stesso coraggio del popolo ucraino nella lotta per la loro libertà e scenda in piazza per cacciare Putin. Secondo Friedman, i russi dovrebbero cominciare a preoccuparsi del fatto che finché Putin sarà il loro leader «non avranno futuro». Mentre oligarchi e sodali del leader del Cremlino «dovrebbero pensare che a breve dovranno dire addio al lusso di Londra, New York, Saint Moritz o Davos. La Russia rischia di trasformarsi per loro in una »grande prigione« con la libertà di viaggiare solo in Siria, Crimea, Bielorussia, Corea del Nord e Cina. I loro figli saranno cacciati da tutte le università ;;dalla Svizzera a Oxford. O collaborano per cacciare Putin - conclude l'editorialista - o presto condivideranno tutti la stessa cella in isolamento». 

Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 05:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA