Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina-Russia, Macron: «Resto in contatto con Putin fin quando è possibile»

Mercoledì 2 Marzo 2022
Ucraina-Russia, Macron: «Resto in contatto con Putin fin quando è possibile»

Il presidente francese Emmanuel Macron, in un discorso a reti unificate «dedicato alla guerra in Ucraina», ha fatto il punto della situazione sulla posizione della Francia rispetto al conflitto. L'annuncio è giunto non appena concluso un nuovo Consiglio di Difesa all'Eliseo, al quale hanno preso parte i ministri Jean-Yves Le Drian (Esteri), Barbara Pompili (Transizione ecologica), Bruno Le Maire (Economia), Florence Parly (Difesa) e Gérald Darmanin (Interni). Appena scattata l'offensiva russa, giovedì scorso, il presidente «si era impegnato a tenere informati i francesi sull'evolversi della situazione», ha precisato la presidenza, senza ulteriori commenti.

La Francia chiede «il cessate il fuoco» e la creazione di «corridoi umanitari per poter portare aiuti agli ucraini», ha detto Macron. Di fronte all'afflusso di profughi in diversi Paesi europei, Il presidente francese ha assicurato che «la Francia farà la sua parte». «Questa guerra sta sconvolgendo anche la nostra vita democratica», ha continuato. Il conflitto in Ucraina sta influenzando «la campagna elettorale» e «un dibattito democratico importante per la nazione ma che non ci impedirà di incontrarci».

Ucraina, Onu vota la risoluzione che condanna l'invasione russa. Domani il second round di negoziati.

Macron ha poi affermato di voler «rimanere in contatto» con il presidente russo, Vladimir Putin, per «convincerlo a rinunciare alle armi» nella crisi con l'Ucraina. «Mentre parlo costantemente con Zelensky, ho deciso di rimanere in contatto, fin quando ci riesco e fin quando è necessario, anche con il presidente Putin - ha detto Macron - per cercare instancabilmente di convincerlo a rinunciare alle armi» e «per prevenire il contagio e l'allargamento del conflitto fin quando è possibile».

Il presidente francese ha sottolineato anche la necessità dell'indipendenza dal gas russo, affermando che l'Europa deve diventare «una potenza economica prima di tutto. Per questo dobbiamo promuovere un nuovo modello economico. Un potere energetico. Per questo difenderò una strategia di indipendenza energetica europea». Macron ha poi parlato di «potere di pace. Non possiamo dipendere dagli altri per difenderci. La nostra difesa europea deve fare un nuovo passo», spiega, aggiungendo che riunirà «il prossimo 10 e 11 marzo i Capi di Stato e di governo europei in un vertice che dovrà decidere su questi temi».

Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA