Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, panico per le sanzioni: su Google è boom di ricerche su «Come emigrare»

Venerdì 4 Marzo 2022
Russia, panico per le sanzioni: su Google è boom di ricerche su «Come emigrare»

Le pesantissime sanzioni inflitte alla Russia spaventano. E non sono pochi quelli che pensano alla fuga all'estero per mettere a riparo sè stessi e le proprie famiglie da un futuro sempre più incerto. Lo segnala il motore di ricerca Google che in Russia ha registrato un'impennata di ricerche della parola "emigrazione"  (in russo "эмиграция") aumentate del 5000% nei giorni 20-26 febbraio - il 24 febbraio è il giorno dell'invasione russa in Ucraina -. Anche se il motore di ricerca più diffuso nel paese è x, i dati di Google appaiono comunque sintomo di una preoccupazione diffusa. 

Una testimonianza del fatto che in Russia in molti temono gli effetti della guerra: l'esclusione delle principali banche dal sistema di pagamento Swift e la decisione di ritirarsi dal mercato russo di molte aziende come Apple, Adidas, Nike, H&M, Ikea, Disney, Ford, Bmw preannunciano un periodo di isolamento difficile per l'economia russa che avrà inevitabili e vasti effetti anche sulla popolazione. 

 

Il picco di ricerche  «Dove emigrare dalla Russia»

I dati di ricerca di Google Trends mostrano che la parola "emigrazione", cercata in maniera più o meno costante per tutto il 2021, a partire dal 20 febbraio subisce un'impennata notevole. Tra le ricerche correlate ci sono frasi come "Dove emigrare dalla Russia 2022" ( cresciuta del +250%) e "Quale è il modo più semplice di emigrare dalla Russia" (+90%). 

A pesare sulle ricerche anche la chiusura dello spazio aereo europeo ai voli russi, che ha diffuso l'idea che successivamente gli spostamenti fuori dalla Russia sarebbero stati più complicati se non addirittura impossibili. Di fatti lo stop ai voli diretti per la Russia, attualmente è in vigore per i voli passeggeri, quelli privati e per il trasporto merci e ha dunque conseguenze dirette anche sui viaggi dei singoli cittadini. 
In risposta anche la Russia ha chiuso i suoi aeroporti a molte compagnie straniere.

Chi vuole andare via? Le ricerche si concentrano al confine con la Norvegia 

Google Trends rivela che le maggiori ricerche della parola "emigrazione" si concentrano nelle zone di confine, nell'area di San Pietroburgo (al Nord, vicino al confine con Finlandia ed Estonia), al confine con  l'Ucraina e in alcune regioni vicine a Mosca ( Oblast di Vladimir). In queste aree l'interesse per la ricerca "emigrazione" è segnalato intorno al massimo in una scala di 1 a 100 (con un punteggio di 90 o maggiore). 

Cresce il panico e torna l'incubo dell'isolamento internazionale

Le sanzioni occidentali promettono di colpire duramente l'economia russa. Il rublo è crollato di oltre il 30% contro il dollaro e l’euro e le foto di centinaia di persone in fila nei bancomat delle maggiori città hanno fatto il giro del mondo. La paura di un collasso del paese è tangibile e la fuga di moltissime aziende occidentali rievoca il fantasma degli anni dell'Unione Sovietica, quando la Russia era isolata dal mondo. In tanti ricordano quel periodo e non hanno intenzione di tornare indietro. E così aprono Google e digitano "Come emigrare". 

 

Ultimo aggiornamento: 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA