Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, Unione europea e il grano: «Avanti con il piano Onu per sbloccare i porti». La Turchia potrebbe scortare le navi

Mercoledì 1 Giugno 2022 di Gabriele Rosana
Ucraina, Unione europea e il grano: «Avanti con il piano Onu per sbloccare i porti». La Turchia potrebbe scortare le navi

BRUXELLES Avanti con il piano Onu sul grano. La prossima settimana potrebbe essere quella decisiva per rompere il blocco dei porti sul Mar Nero e consentire agli oltre 22 milioni di tonnellate di cereali ucraini di uscire dal Paese e raggiungere gli Stati del sud del mondo, in particolare in Africa, dove il rischio carestia si fa concreto ogni giorno che passa. Il Vertice dei leader del 30-31 maggio ha riconosciuto che la via diplomatica è quella da seguire per risolvere l’impasse. E le Nazioni Unite sono, strutturalmente, l’interlocutore di riferimento. Anche dell’Europa, che per ora ha messo da parte l’ipotesi fatta circolare nei giorni scorsi di una missione navale a guida Ue, per dare il suo contributo all’operazione del Palazzo di Vetro.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ne ha parlato con il segretario generale dell’Onu António Guterres, che nei prossimi giorni dovrebbe vedere a New York. Più quando, mercoledì 8 giugno, invece il ministro degli Esteri Sergej Lavrov sarà in Turchia per parlare con l’omologo Mevlüt Çavuşoğlu della collaborazione della Russia nel piano di corridoi del grano su cui sta mediando il leader turco Recep Tayyip Erdoğan.

La Turchia metterebbe anche a disposizione le sue navi per scortare i cargo ucraini carichi di mais e grano fuori dal Bosforo - la porta di accesso al Mar Nero, controllata da Ankara in virtù della Convenzione di Montreaux del 1936 -, ma l’ombrello Onu è necessario per offrire le necessarie garanzie, anzitutto alla flotta turca.

Un incidente nelle acque del Mar Nero, infatti, potrebbe finire pure per far scattare la clausola di difesa collettiva della Nato, visto che la Turchia è membro dell’Alleanza Atlantica. Per questo già sabato scorso il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz avevano chiesto a Vladimir Putin di sostenere la proposta di una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu, dove Mosca ha il diritto di veto. La volontà del Cremlino è quindi fondamentale. Parigi e Berlino sono in attesa di una risposta - ha detto ieri Macron -, ma qualche segnale è già arrivato. «Se Kiev smina i porti garantiremo il passaggio senza ostacoli delle navi», ha detto Lavrov in visita in Bahrein. L’alternativa è che la risoluzione, anziché al Consiglio di sicurezza, approdi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ma così facendo perderebbe il valore giuridico vincolante sul piano del diritto internazionale, pur conservando tutta la pressione politica. La tela diplomatica continua a essere intessuta. 

Gabriele Rosana

Ultimo aggiornamento: 18:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA