Donna ingaggia un sicario online per uccidere la moglie del suo ex: ma l'accordo è una truffa

Domenica 23 Gennaio 2022 di Marta Ferraro
Una donna si dichiara colpevole di aver ingaggiato un sicario online per uccidere la moglie del suo ex fidanzato, ma l'accordo era una truffa

La polizia della Florida, USA, ha annunciato che DeAnna Marie Stinson, un'americana di 50 anni, si è dichiarata colpevole di aver tentato di assumere un sicario attraverso un dark web per uccidere la moglie del suo ex fidanzato.
Secondo i documenti del tribunale, il 24 giugno 2021, Stinson ha creato un account su un sito Web che offrirebbe servizi di omicidio su commissione, ma in realtà era solo una truffa. Il giorno successivo, la donna ha fatto un "ordine" chiedendo di incaricare un sicario di uccidere in breve tempo la moglie dell'ex compagno. Nella richiesta, Stinson ha fornito il nome, l'indirizzo e una fotografia della vittima.

Tra giugno e luglio, la donna ha inviato quattro ordini aggiuntivi e più di 12.000 dollari in bitcoin per pagare il tanto atteso omicidio. Nel frattempo, ha inviato più messaggi agli amministratori del sito Web e ai presunti sicari chiedendo che il lavoro venisse svolto il prima possibile e ha persino offerto una paga extra se l'avessero uccisa entro una certa data.

Video

La polizia è stata informata dell'attività criminale di Stinson e ha ottenuto i suoi registri di pagamento in criptovaluta. Successivamente, un agente l'ha contattata fingendo di essere un sicario del sito Web a cui aveva trasferito i soldi. Durante una telefonata, Stinson ha confermato che voleva che la vittima venisse uccisa e ha accettato di inviare all'agente un'altra somma, pari a 350 dollari in bitcoin in modo che potesse comprare una pistola e commettere il crimine.

La donna rischia una pena massima di 10 anni di reclusione, ma non si conosce ancora la data in cui verrà emessa la sentenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA