Elezioni Usa 2020, fra Biden e Trump sfida all'ultimo stato: quando sapremo chi ha vinto? La situazione in diretta

Giovedì 5 Novembre 2020
Elezioni Usa 2020, fra Biden e Trump sfida all'ultimo stato: quando sapremo chi ha vinto? La situazione in diretta

Elezioni Usa 2020, Biden ostenta sicurezza, predica pazienza e giustamente evita di lanciare proclami, Trump sbraita e avvia ricorsi che però almeno in parte vengono subito respinti. Ma come è possibile che a quasi due giorni della chiusura dei seggi (anche se tra New York e le Hawaii ci sono cinque ore di differenza) non si possa ancora conoscere il vincitore?   Quando lo sapremo? Che cosa potrebbe accadere da oggi fino al 20 gennaio, ultimo giorno, a ogni modo, del primo mandato del presidente tycoon che comunque sente molto vacillare il sogno del raddoppio?

Elezioni Usa, Biden in vantaggio ma Trump non ci sta

Elezioni Usa 2020, staff di Biden: «Sarà presidente». In Nevada aumenta il vantaggio. Respinti due ricorsi di Trump

Al di là delle fonti ci sono ancora 5 stati non ufficialmente assegnati i cui grandi elettori concorrono a raggiungere il "numero magico" - 270 - necessario per vincere: Nevada (6 grandi elettori), Arizona (11),  Georgia (16); North Carolina (15) e Pennsylvania (20).

Usa 2020, contro Biden rito scatenato dei predicatori evangelici. E rispunta pure il vescovo ribelle Viganò Video folle

La situazione

Biden è a quota 253, Trump a 213 e questa è finora l'unica certezza (proposta ad esempio dalla Cnn), mentre Ap, solitamente assai cauta, e Fox attribuiscono già l'Arizona a Biden che sale così a quota 264 con Trump a 214. Ma sono cifre non ufficiali visto che lo spoglio è ancora in corso.

 

Biden vince se:

si conferma la tendenza pro domocratici in Arizona e in Nevada la quota 270 per Biden sarà raggiunta, rendendo inutile i risultati negli altri tre stati in cui Trump è invece in vantaggio anche se il rivale è in recupero soprattutto i Georgia. 

Trump vince se:

si conferma in Georgia, North Carolina, Pennsylvania e ribalta gli scenari di Nevada e Arizona.

 

 

Gli stati

Nevada (6)

La notizia della sera di giovedì è che in Nevada continuano a prendersela comoda, tanto che la speranza di chiudere i conti entro la giornata è presto svanito. Se ne riparla domani alle 19 italiane: intanto  Biden è avanti di quasi 13mila voti, oltre l'1%. Anche dovesse assottigliarsi il vantaggio grazie ai voti delle zone rurari lo stato pare proprio in tasca a Biden.

Arizona (11)

Biden guida con un vantaggio di 2 punti percentuali ovvero  68.129 voti pari all'86%, ma Trump è in recupero. Potremmo conoscere l'esito con molte incertezze nella notte fra giovedì e venerdì, non prima delle 3.  

Georgia (16)

Trump è in vantaggio, Biden recupera: quando manca il 4% dei voti da scrutinare si è passati da 30mila a 18mila preferenze di vantaggio per il presidente uscente e quiindi, in serata, alle 20, il vantaggio del presidente è sceso a 12mila. Mancano tuttavia grandi  città che dovrebbero essere favorevoli ai democratici. Di sicuro sapremo il risultato prima del Nevada, magari nella tarda serata di giovedì. La storia è tuttavia contraria a Biden: il suo partito non vince da 28 anni (Clinton) ma questo non impedisce al suo aspirante successore a mostrarsi ottimista.

 

Pennsylvania (20)

E' stato scrutinato il 92% dei voti con Trump davanti di 114mila preferenze, pari all'1,7%, anche se mancano all'appello molti voti di grandi città tradizionalmente democratiche. Fino a domani, però, niente risultati.  

 

North Carolina (15)

Trump è davanti e su questo sono tutti d'accordo e così nell'assegnargli lo stato visto che le schede per posta sono state conteggiate all'inizio dello spoglio. E' che in questo stato c'è tempo fino al 12 novembre per registrare le schede giunte per posta.

 

 


 

Ultimo aggiornamento: 6 Novembre, 10:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA