Usa, esecuzione con la sedia elettrica nel Tennessee: ​«Dio ha creato l'uomo. Gesù pianse. È tutto»

  • 462
Il comunicato del carcere di massima sicurezza di Nashville informa in un macabro burocratese che l'elettrocuzione è stata eseguita. Dietro quel termine c'è l'orrore della sedia elettrica, sulla quale in un istante è stata stroncata la vita di un detenuto da oltre 30 anni nel braccio della morte. Nello stato del Tennessee è la seconda esecuzione dal 2018 ad essere portata a termine con questo metodo che le associazioni per i diritti umani definiscono «barbaro» e «inumano». Eppure a sceglierlo è stato proprio Stephen West, 56 anni, condannato nel 1986 per un duplice omicidio che ha sempre sostenuto di non aver commesso. La legge del Tennessee permette infatti ai condannati a morte prima del 1999 di optare proprio per la sedia elettrica al posto della iniezione letale, che a molti fa più paura perché può provocare una morte molto più lenta ed atroce. Questo soprattutto se i farmaci più efficaci non sono reperibili e si è costretti a ricorrere ad un mix di veleni che uccide tra mille sofferenze.

I pochi testimoni ammessi ad assistere all'esecuzione hanno raccontato come l'uomo sia morto tra i singhiozzi, quasi giustificandosi dicendo «anche Gesù è morto piangendo». Sono state le sue ultime parole, mentre il suo ultimo desiderio quello di mangiare una bistecca e delle patatine fritte. Poi è arrivato il via libera all'esecuzione da parte del governatore repubblicano dello stato Bill Lee.

«Siamo profondamente delusi della decisione di andare avanti nonostante il detenuto si sia sempre dichiarato innocente e gli sia stato diagnosticato un grave disturbo mentale», affermano i suoi legali, sottolineando come non si sia tenuto conto del fatto che West «nel corso di decenni in carcere ha avuto un impatto positivo su tutte le persone accanto a lui dimostrandosi un uomo dalla grande fede». Le accuse che hanno portato alla sua condanna erano pesantissime: rapimento, stupro e accoltellamento a morte di una minore di 15 anni e di sua madre. West ha sempre negato, accusando dell'assassinio il figlio allora 17enne complice del rapimento e che ora sconta una pena all'ergastolo. Era riuscito a far sospendere la sua esecuzione nel 2001 presentando un ricorso in extremis.

La pena di morte negli Usa è ancora legge in 29 stati, oltre ad essere contemplata nell'ordinamento federale e in quello militare. In base agli ultimi dati ufficiali risalenti al 2018 sono quasi 3.000 i detenuti in attesa del boia. Negli ultimi anni, di fronte alla penuria di farmaci per l'iniezione letale, c'è il tentativo di ritornare a vecchi sistemi come la fucilazione, con proposte avanzate in stati come il Wyoming e l'Utah, o l'uso delle maschere col gas di azoto. Un sondaggio shock del 2014 ha messo in luce anche come l'8% degli americani sarebbe favorevole anche a un ritorno dell'impiccagione.
Venerdì 16 Agosto 2019, 08:23 - Ultimo aggiornamento: 16-08-2019 21:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP