Tragedia in un negozio di scarpe: cede uno specchio e uccide bimba di 2 anni

ARTICOLI CORRELATI
di Federica Macagnone

«Sono morto con lei». Moshin Siddique non riesce a credere che non vedrà più il sorriso della sua piccola Ifrah. La sua bambina, 2 anni, gli è stata strappata via in un pomeriggio come tanti, in un momento di spensieratezza con la mamma mentre provava le sue scarpette nuove in un negozio di Riverdale, negli Usa. Poi quel rumore improvviso e quello specchio che deflagra in mille pezzi proprio sulla testa di Ifrah. Un attimo e la vita di un'intera famiglia è stata spazzata via in un soffio.
 
 


Venerdì pomeriggio la famiglia Siddique era andata in un negozio per comprare delle scarpe. Ifrah era contenta: aveva scelto il suo paio preferito e le stava provando quando uno specchio si è staccato da un muro finendo per rompersi in mille pezzi dopo l'impatto con la bambina. A nulla è valsa la corsa al Southern Regional Medical Center, dove è stata dichiarata morta. «Ho sentito il fracasso e le urla di una donna - ha raccontato Latisha Culpatrick, che lavora nel negozio accanto a quello in cui è avvenuta la tragedia - Ho visto la gente che si affollava e la piccola a terra. È stata una tragedia. Da mamma dico che mai ti immagineresti di uscire di casa con tua figlia e farci ritorno senza di lei».

«Quella era la mia bambina - ha detto tra le lacrime Moshin - Sono morto anch'io, è come se non fossi più». Tutta la famiglia si è stretta attorno ai genitori, che sono ancora in stato di choc. «Stiamo uniti, ma quello che ci è accaduto ci ha destabilizzati - ha detto Aquib Iftkhar, uno dei cugini della bambina - È un dolore inspiegabile. Vogliamo che il negozio garantisca che mai nessuna tragedia del genere possa più colpire un'altra famiglia: devono mettere in sicurezza scaffali e specchi immediatamente». La polizia sta indagando sull'incidente, mentre dal negozio hanno fatto sapere di essere devastati dalla morte di Ifrah. «Le nostre più sentite condoglianze vanno alla famiglia per questa incredibile perdita - si legge in una dichiarazione - Siamo devastati da questo tragico evento e stiamo collaborando pienamente con le autorità per comprendere la natura di questo incidente. Per il rispetto della famiglia, non verranno fornite ulteriori informazioni». 
Lunedì 5 Marzo 2018, 18:50 - Ultimo aggiornamento: 06-03-2018 09:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP