Usa, (doppio) bagno di folla per Trump: candidatura 2024 ormai certa

Mercoledì 22 Dicembre 2021 di Luca Marfé
Usa, (doppio) bagno di folla per Trump: candidatura 2024 ormai certa

Houston e Dallas, un autentico doppio bagno di folla.
Donald Trump e il 2024: una prospettiva che appare oramai certa.

Il Texas accoglie l’ex presidente come fosse ancora oggi un autentico eroe nazionale e persino il suo successore, agonizzante in tutti i sondaggi, è costretto a riconoscergli grossi meriti.

«Grazie alla precedente amministrazione e alla nostra comunità scientifica, l’America è stato uno dei primi Paesi al mondo ad avere il vaccino».

Parole chiarissime, firmate Joe Biden.

Che Trump raccoglie al volo, volentieri e come sempre con un tocco di furbizia politica.

«Sono molto grato e anche un po’ sorpreso», confessa ai microfoni di Fox News.

Gioca al fair play, insomma, con la consapevolezza che se per assurdo si andasse al voto adesso, magari chissà, l’attuale presidente rischierebbe di essere addirittura travolto.

Ma il vero punto interrogativo, sia in chiave Congresso (con le elezioni di midterm in calendario per il prossimo novembre, ndr) che in ottica Casa Bianca, paradossalmente, più che attorno ai democratici, ruota attorno agli stessi repubblicani.

Con la figura del governatore della Florida, il 43enne Ron DeSantis, in ascesa feroce, grazie anche e soprattutto a una gestione vincente e a tratti rivoluzionaria della pandemia di Covid-19.

L’economia vola, l’immobiliare schizza, i numeri gli danno ragione. Anche in termini di contagi, ricoveri e morti.

La gente è con lui, anche a sinistra.

Video

E se davvero dovesse riuscire nell’impresa di traslare questo entusiasmo sull’intero scenario nazionale, i guai per il tycoon potrebbero arrivare da destra.

Magari all’America non serve di nuovo Trump.
Magari all’America serve un nuovo Trump.

Ultimo aggiornamento: 17:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA