Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Va a denunciare uno stupro di gruppo e viene violentata da un agente: l'orrore vissuto da una 13enne

L'agente è stato fermato e arrestato mentre tentava di lasciare lo Stato per sfuggire all'accusa di violenza sessuale su una minorenne

Giovedì 5 Maggio 2022
immagine di repertorio

Era riuscita a superare tutte le paure e i timori e si era rivolta alla polizia per denunciare uno stupro di gruppo durato quattro giorni. La vittima una ragazzina di 13 anni, rapita e violentata da quattro uomini a fine aprile, non avrebbe mai pensato che l’incubo potesse ripetersi di nuovo e proprio tra le mura della stazione di polizia dell’Uttar Pradesh uno stato dell’India del nord.

Invece dopo poco che la 13enne accompagnata dalla zia si era seduta per raccontare l’orrore vissuto, l’agente che stava raccogliendo la denuncia ha chiesto loro di seguirlo in un’altra stanza. Una volta entrati, il poliziotto però ha chiuso la porta e violentato la ragazzina davanti alla zia.

Leggi anche > Dimenticano una bimba di 3 anni sullo scuolabus per sei ore: è gravissima

L'agente è stato fermato e arrestato mentre tentava di lasciare lo Stato per sfuggire all'accusa di violenza sessuale su una minorenne. Quando la notizia è arrivata alla stampa, il capo della polizia del distretto di Lalitpur, riporta il Mirror, ha parlato con i giornalisti e ha confermato che il poliziotto è stato sospeso. Ha anche confermato che sono sei gli indagati: quattro arrestati, tra cui l'agente. 

Ultimo aggiornamento: 18:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA