Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaiolo delle scimmie, in Spagna allerta sanitaria per 8 casi sospetti. Sale l'allarme in Europa e arriva anche negli Usa

Mercoledì 18 Maggio 2022
Vaiolo delle scimmie, la Spagna dichiara l'allerta sanitaria per 8 casi sospetti a Madrid

È allerta sanitaria in Spagna per il vaiolo delle scimmie. Il Ministero della Salute ha emanato martedì 17 maggio la comunicazione dell'emergenza dopo otto casi sospetti a Madrid. Secondo quanto riportato dal quotidiano El Pais si attende la conferma dai test genetici effettuati presso il Centro Nazionale di Microbiologia (CNM). 

 

Notifica urgente alle autorità sanitarie in caso di febbre e eruzione cutanea 

Le autorità sanitarie spagnole hanno invitato i medici a notificare “urgentemente” i pazienti che presentano eruzione vescicolare «senza una causa spiegabile», febbre superiore a 38,5 gradi, forte mal di testa, dolori muscolari e articolari e infiammazione dei linfonodi. Vengono considerati “casi sospetti”  coloro che nei 21 giorni dall'inizio dei sintomi: hanno avuto contatti con un caso diagnosticato, hanno avuto rapporti omosessuali tra uomini o sono stati in viaggio in Africa occidentale o centrale. 

Gli otto casi sospetti a Madrid

Gli otto casi attualmente oggetto di indagine a Madrid sono stati rilevati presso il Sandoval Health Center della capitale, una struttura di riferimento nella diagnosi e nel trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili. Il direttore del Centro di coordinamento per gli avvisi e le emergenze sanitarie (CCAES) del Ministero della Salute, Fernando Simón, ha spiegato al Pais che  è improbabile che il vaiolo delle scimmie generi una trasmissione significativa in Spagna ma che "non può essere escluso". Per questo le autorità sanitarie sono al lavoro per identificare le cause del contagio.

Vaiolo delle scimmie, un caso in Gran Bretagna: paziente ricoverato in ospedale a Londra

Sale l'attenzione in Europa, casi anche in Portogallo

Intanto sale la preoccupazione in Europa per il virus: il Portogallo  ha confermato 5 casi e 20 sospetti di contagiati dal virus. mentre nel Regno Unito le autorità hanno accertato un focolaio di 7 persone positive. I positivi sono tutti uomini che hanno relazioni omossessuali. Non è stato possibile identificare un legame epidemiologico tra le persone colpite, e questo secondo gli esperti, indica che esistono diverse catene di trasmissione del virus non identificate nel continente. A preoccupare gli esperti è il fatto che per la prima volta il virus circola in Europa senza collegamenti con persone che hanno viaggiato in africa Occidentale o centrale. 

Vaiolo delle scimmie, secondo caso negli Usa: contagiato un uomo, è allarme

 

Il vaiolo delle scimmie anche in Usa

Le autorità sanitarie del Massachusetts hanno confermato un caso di vaiolo delle scimmie in un uomo che ha viaggiato recentemente in Canada dopo che i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) hanno riferito che stavano monitorando la possibile diffusione di questa rara ma potenzialmente grave malattia virale. La notizia arriva nello stesso giorno in cui le autorità sanitarie britanniche, spagnole e portoghesi hanno riportato nuovi casi, aumentando i timori che il virus si sia diffondendo silenziosamente fuori dall'Africa centrale e occidentale dove si trova in genere. I Cdc stanno monitorando sei americani dopo che hanno condiviso un volo con un paziente britannico risultato positivo al vaiolo delle scimmie.

 

Il vaiolo delle scimmie, sintomi 

Il vaiolo delle scimmie è una malattia causata da un virus endemico nelle aree della giungla del continente africano. Scimmie, roditori e altri mammiferi possono trasmetterlo all'uomo. Tra i sintomi ci sono una cospicua eruzione cutanea sulla pelle, febbre, e problemi articolari. Secondo l'Oms, la mortalità dei focolai africani varia tra l'1% e il 10% delle persone colpite, ed è alta soprattutto tra i bambini piccoli. Il contagio avviene tramite gocce di saliva o fluidi corporei e l'incubazione dura solitamente tra i 6 e i 13 giorni, ma può durare fino a 21. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 12:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA