«Smetti di giocare ai videogiochi», lui uccide il patrigno e picchia la madre

Sabato 19 Dicembre 2020 di Alessia Strinati
«Smetti di giocare ai videogiochi»: lui uccide il patrigno e picchia la madre

Accoltella la mamma e il patrigno che gli avevano chiesto di non giocare troppe ore ai videogiochi. Christopher McKinney, 29enne di Madison Heights, in Michigan, ha avuto uno scatto d'ira verso i suoi genitori che gli avevano chiesto di passare meno tempo a giocare con i videogiochi per permettere loro di dormire. 

L'uomo però è andato su tutte le furie, ha prima colpito con un pugno la madre sul naso e poi si è scagliato sul suo patrigno. La vittima è riuscita a liberarsi dalla presa fuggendo in cucina e afferrando un coltello per difendersi ma a quel punto McKinney ha rigirato la lama e lo ha accoltellato più volte fino ad ucciderlo. A lanciare l'allarme è stato un vicino di casa, anche lui aggredito dal 29enne.

La coppia, come riporta Metro, è stata portata d'urgenza in ospedale, dove il patrigno in seguito è morto per le ferite riportate. La madre invece ha riportato solo alcune contusioni. Quando sono arrivati gli agenti il figlio si è avventato anche contro di loro fino a quando non è stato immobilizzato e arrestato.

 

 

Ultimo aggiornamento: 18:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA