​I passeggeri indicano le peggiori compagnie aeree del 2019

Lunedì 23 Dicembre 2019 di Marta Ferraro
​I passeggeri indicano le peggiori compagnie aeree del 2019

La rivista britannica Which? ha pubblicato un nuovo rapporto sulle migliori e peggiori compagnie aeree di tutto il mondo, considerando il servizio offerto nel 2019.

LEGGI ANCHE L’aeroporto di Napoli festeggia i 10 milioni di passeggeri in un anno. De Luca: «Complimenti, è un record»
 


Il giornale ha intervistato oltre 6.500 passeggeri, raccogliendo le loro opinioni su oltre 10.000 voli e 29 compagnie aeree, tra quelle tradizionali e quelle low cost. Gli interpellati sono stati invitati a valutare vari aspetti come: servizio clienti, puntualità, condizioni di viaggio, posti a sedere, cibo e costi. I risultati hanno messo in dubbio la qualità di alcune rinomate aziende.

LEGGI ANCHE Fiumicino, in aeroporto arriva check in facciale e via libera ai liquidi in valigia

American Airlines e British Airways sono state classificate come le due peggiori compagnie aeree per i voli a lunga percorrenza con rispettivamente il 48% e il 55% del punteggio dei clienti. La compagnia americana ha ricevuto due delle cinque stelle in termini di servizio utente, costo, posti a sedere e ambiente della cabina. Mentre, la compagnia inglese è stata criticata per la qualità del cibo, il servizio clienti, il comfort delle sedie e il rapporto qualità-prezzo. 
 

 

LEGGI ANCHE Bagagli in aereo, trolley e zainetti appesantiscono i prezzi: ecco come orientarsi

Per quanto riguarda le rotte a breve distanza, Ryanair e Vueling Airlines hanno riportato la peggiore considerazione, ottenendo rispettivamente una percentuale del 44% e del 54%. 

Diverse compagnie aeree hanno ottenuto recensioni eccellenti nel sondaggio. La compagnia britannica low cost Jet2, per esempio, si è distinta sui voli brevi, con una percentuale del 79%. Nel frattempo, nella categoria dei voli lunghi, Singapore Airlines ha ottenuto l'88%, con un punteggio di quattro o più stelle in tutte le aree. Emirates e Virgin Atlantic non erano molto indietro, con il 76% e il 72% ciascuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA