Autonomia, il Veneto in fuga con la cassa: l'Italia divisa tra ricchi e poveri

di Marco Esposito

6
  • 515
I territori ricchi hanno più diritti degli altri. La Costituzione dice una cosa un po' diversa, ma il Veneto è convinto che «il principio costituzionale di uguaglianza» preveda tre componenti: la «popolazione residente», le «caratteristiche territoriali» (fin qui è ovvio) e «il gettito dei tributi maturato nel territorio nazionale». Quindi dove c'è più gettito, ci saranno più soldi per i diritti essenziali nell'istruzione, nella sanità, nella protezione civile e in tutte le 22 materie che il Veneto vuole siano trasferite dallo Stato centrale alla Regione. La proposta del trevigiano Luca Zaia è stata consegnata al ministro degli Affari regionali, la vicentina Erika Stefani, con l'obiettivo di fare del Veneto il capofila nella corsa alle maggiori autonomie, sulla scorta del successo del referendum consultivo del 22 ottobre 2017, al quale partecipò il 57,2% degli aventi diritto, con una valanga di 98,1% di sì. In Lombardia la partecipazione fu tiepida: 38,2%.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 26 Luglio 2018, 11:00 - Ultimo aggiornamento: 26-07-2018 15:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-07-26 17:33:05
Regno delle due sicilie con i soldi che ci stavano al sud ci si poteva comprare Montecarlo. E Camillo Benso di Cavour decise di depredare tutto dal sud perche al nord la gente stava come si dice con le pacche nelle risaie. Da 157 anni si è rovesciata l'italia.
2018-07-26 17:07:45
Oggi al TG3 regione: decenni di depredazione del SUD….a cui sono stati NEGATI i fondi ordinari che sono stati dirottati ad altre destinazioni (facile da capire quali sono tali destinazioni….il nodde ovviamente)". Io dico che il SUD è stato continuamente depredato, mortificato, insultato, abbandonato , sputato in faccia da ben 157 anni….. ma come se fosse normale per lo stato italiano comportarsi così…..VERGOGNA!!!!!
2018-07-26 12:40:32
...questa storia finirà quando ci sentiremo di essere padroni della nostra terra... e sin qui ho qualche dubbio che avverrà a breve. Non possiamo dare tutti i torti al Veneto e ai loro cittadini. Hanno una concezione diversa da quella meridionale... si sentono padroni della loro terra, della loro economia, per cui il lavoro è sempre al primo posto... per contro il meridione è una forma di ‘capitalismo senza capitale‘ costituito da piccoli gruppi industriali e artigianali sostanzialmente indipendenti. Una realtà dove la cooperazione tra i vari attori produttivi è inconcepita. Eppure il nostro meridione attrae milioni di turisti da ogni dove... La creazione di cooperative, da sole potrebbero essere l'arma vincente dell'occupazione, di maggiori risorse che porterebbe un discreto vantaggio per il benessere comune. Purtroppo mancano gli intellettuali e sopratutto la voglia di fare e di cambiare... e allora non dobbiamo appellarci alla sola Costituzione per la spartizione della ricchezza nazionale... dobbiamo lottare strenuamente contro il parassitismo delle mafie che attanagliano le possibilità d'uscire definitivamente dai pregiudizi altrui, dallo scialbore sociale e dell' assistenzialismo. Forza Napoli sempre e ovunque.
2018-07-26 12:16:05
Beh! in tanti al SUD miopi e caproni li hanno votati, hanno votato Salvini capo della LEGA NORD che per decenni ha tacciato i meridionali delle peggiori accuse e questi continuano a fare quello che hanno sempre fatto, depredarci! signori cari il problema del SUD non sono gli immigrati, ancora una volta ci siamo fatti infinocchiare da una forza politica che vede il SUD come uno spiacevole incidente al loro benessere! Un applauso a tutti i LEGHISTI meridionali!!!!
2018-07-26 12:10:54
E se l'iva sui servizi la facessimo restare dove si consuma e non dove c'è la sede legale? >Energia - telefoni - gas - trasporti etc etc sai che botta? E se i governatori o governanti un giorno si svegliassero istituendo per legge che a partire dai ricenditori di alimenti il 50% sia di origine provinciale il 30% regionale e il restante da resto della penisola? Si eviterebbe che i garndi distributori con sede per esempio a bolzano leggi l'etichetta e viene incapsulato nelle buste a bolzano anche se non viene prodotto assolutamente nulla a bolzano? E' ora di smetterla e di ridare dignità ai popoli dagli Abruzzi a Lampedusa. Prima eravamo tanti popoli in un unico Stato ( Abruzzi - Puglie - Lucani - Campani - Calabresi - Siciliani ) adesso siamo un unico popolo sotto tanti stati e staterelli regionali .

QUICKMAP