Bankitalia, Conte fa sponda al Colle: gestisco io il dossier delle nomine

ARTICOLI CORRELATI
di Marco Conti

Incartati nelle promesse elettorali fatte ai risparmiatori veneti, M5S e Lega pensano di trovare una via d'uscita mettendo in discussione l'autonomia e l'indipendenza di Consob e Bankitalia. Più o meno come buttare il bambino con l'acqua sporca. Tanto più che ruolo e peso di via Nazionale sono molto cambiati da quando è entrata la moneta unica, l'incarico di governatore non è più a vita e gli ispettori partono da Francoforte come i commissariamenti.

Ma proprio perchè è diventata, come tutte le altre banche centrali dei paesi dell'eurozona, una sorta di sede distaccata ed esecutiva della Bce, che forse quando si parla di Banca d'Italia servirebbe maggiore modo e cautela. Tutto per evitare che le italiche e pubbliche baruffe mettano in crisi non tanto l'istituzione quanto l'affidabilità di un Paese che ha il più alto debito pubblico dell'eurozona, lo spread vicino a quota 300 e tutti gli indici economici in picchiata.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 11 Febbraio 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 11-02-2019 14:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP