Comunali Roma, diretta. Abbraccio tra Meloni e Salvini: «​Siamo destinati a governare assieme»

Ultimo giorno di campagna elettorale. A Roma i candidati si sfidano nei comizi conclusivi

Venerdì 1 Ottobre 2021
Comunali Roma, diretta. Salvini da Michetti: «Sono convinto che Pd e M5S avranno meno sindaci»

Per la corsa al Campidoglio è l'ultimo giorno di campagna elettorale. Michetti, Gualtieri, Calenda a Raggi sono i quattro candidati principali a sindaco di Roma. Oggi scendono in piazza per il comizio conclusivo prima del voto del 3 e 4 ottobre. Enrico Michetti (Centrodestra) ha scelto Spinaceto, Roberto Gualtieri (Pd) ha puntato su San Basilio, Carlo Calenda si è invece preso piazza del Popolo mentre la sindaca uscente Virginia Raggi (M5S) sarà a Bocca della Verità. 

Video

 

COMUNALI ROMA: LA DIRETTA

Michetti a Spinaceto 

 

Abbraccio tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni in favore di telecamere e fotografi prima della conferenza stampa congiunta alla periferia di Roma, a sostegno della candidatura di Enrico Michetti. Un modo per calmare le acque dopo i dissapori sorti ieri a Milano, dove i due si sono incrociati ma non incontrati, a causa di un ritardo aereo della leader di FdI. «C'è affetto politico, siamo destinati a governare assieme», dice il segretario leghista.

 

Salvini: «Scelta tra illegalità e chi ama il proprio Paese» «Ieri con la condanna a Lucano mi sono sentito meno solo: da ieri, a dire che c'è chi ci guadagna sull'immigrazione, non è solo Salvini ma anche una sentenza: Spero che Lucano venga assolto, come il figlio di Grillo e altri. Non faccio il guardone. La battaglia, la partita contro i miei avversari mi piace vincerla in campo, non nello spogliatoio, corrompendo l'arbitro. La scelta domenica a Roma e nelle altre realtà sarà tra illegalità e chi ama il proprio Paese». Così il segretario federale della Lega, Matteo Salvini, alla chiusura della campagna elettorale, insieme agli altri leader del centrodestra, nella periferia romana. «Il voto sarà una sorpresa eccezionale, ne sono convinto, vince chi da lunedì avrà più sindaci, chi meno avrà perso. Io sono convinto che Pd e M5S avranno meno sindaci». Ha aggiunto Matteo Salvini, nel suo intervento in conferenza stampa a Roma, spiegando come «si vota in 1200 comuni, in Calabria, a Siena, dove si è dimesso l'ex ministro Padoan, che si è dimesso per andare a Unicredit e ora vuole conprare Monte Paschi Siena, si parla di 50 miliardi andati in fumo». E sui social spunta l'abbraccio con Giorgia Meloni: «​Vinciamo e cambiamo l’Italia».

 

Meloni: «Abbiamo contro tutti» Signori, mi raccomando, la campagna elettorale finisce quando si chiudono le urne. Stiamo concentrati in queste ore perchè abbiamo contro tutti, di tutto e di più...». Lo ha detto Giorgia Meloni a conclusione del suo intervento alla conferenza stampa unitaria del centrodestra a sostegno di Enrico Michetti a Roma.

 

 

Michetti: «Noi siamo il cambiamento» «Noi rappresentiamo il cambiamento perchè gli altri hanno già dimostrato, oggi e ieri, che cosa sono in grado di fare» e «hanno bloccato Roma». Lo ha detto il candidato a sindaco di Roma, Enrico Michetti, al quartiere Spinaceto, in occasione della chiusura della sua campagna elettorale, riferendosi alla gestione dei rifiuti nella Capitale e quindi al governatore del Lazio, Nicola Zingaretti del Pd, e alla sindaca uscente, Virginia Raggi del M5s.

 

Raggi stasera alla Bocca della Verità 

 

Grillo in collegamento telefonico Questa sera Beppe Grillo, a quanto si apprende, sarà in collegamento telefonico con Virginia Raggi durante l'evento finale di Bocca della Verità a cui prenderanno parte, tra gli altri, anche il leader del M5s Giuseppe Conte e il ministro Luigi Di Maio.

 

Conte: «Sana competizione con Pd» «C'è una sana competizione con il Pd a Roma. Virginia Raggi è una sindaca uscente e lo ha fatto in un periodo difficile ereditando una città che era in mano alla malavita», dice a 'L'aria che tirà il leader M5S Giuseppe Conte. «Guardo oltre le elezioni amministrative. Con Zingaretti ho sempre lavorato bene, Gualtieri è stato il mio ministro ma questo non toglie che la Raggi a Roma ha tutte le carte in regola per presentarsi», prosegue l'ex premier.

 

Gualtieri, comizio alle 17,30 a San Basilio

 

Il messaggio su Facebook «Alla vigilia delle elezioni Comunali del 3 e 4 ottobre voglio rivolgere un sentito ringraziamento ai dipendenti dell'Amministrazione Capitolina che in questi giorni sono al lavoro, con impegno, dedizione e professionalità, per garantire lo svolgimento ordinato ed efficiente delle operazioni di voto. Occasioni come questa ricordano a tutti l'importanza della macchina amministrativa e del suo ruolo nella vita dei cittadini. Un tema che sarà fondamentale anche per affrontare con successo le tre tappe del PNRR, del Giubileo e della candidatura ad Expo 2030». Lo scrive su fb il candidato a sindaco del centrosinistra Roberto Gualtieri. A suo avviso «il personale Capitolino deve essere una delle leve principali per snellire la burocrazia, rinnovare l'Amministrazione di Roma e ridare competitività alla città» . «Lavoreremo quindi per garantire quegli investimenti su professionalità, formazione e condizioni di lavoro che potranno consentire al personale di esprimere al meglio questo grande potenziale», aggiunge. «Va avviata, quindi, una grande fase di formazione interna, con tre obiettivi principali: ovviare alla fuoriuscita di esperienze legata all'alta età media dei dipendenti; poi, potenziare la transizione digitale che sarà sempre più centrale nella vita amministrativa; infine, valorizzare maggiormente le risorse interne. Accanto alla formazione, si dovranno favorire nuovi innesti e le progressioni verticali. Inoltre, sarà fondamentale anche investire da subito su un forte ammodernamento degli uffici Comunali, spesso obsoleti e carenti dal punto di vista della sicurezza, della salute, del risparmio energetico e della digitalizzazione. Un ammodernamento che deve garantire migliori condizioni di lavoro per i dipendenti e una migliore fruizione per i cittadini nei locali aperti al pubblico - spiega - In questa fase, è cruciale anche il tema dello smart working, una modalità di lavoro importante per migliorare la qualità della vita delle persone e la loro produttività, che va regolata uscendo dallo smart working emergenziale ma non tornando alla situazione pre-Covid. Infine, non dovrà mai più esserci un distacco tra indirizzo politico-istituzionale e macchina amministrativa. Questa è una condizione essenziale per far funzionare efficacemente l'Amministrazione, in un dialogo costante tra i diversi livelli», sostiene Gualtieri.

 

Calenda chiude a piazza del Popolo 



L'incontro con la comunità ebraica Il candidato sindaco di Roma, Carlo Calenda, ha incontrato il Rabbino capo di Roma, Rav Riccardo Shemuel Di Segni, la presidente della comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello e il vicepresidente, Ruben della Rocca. Nel corso del colloquio Calenda ha confermato il suo impegno contro ogni forma di discriminazione antisemita, ribadendo la centralità della comunità ebraica nella storia di Roma e il suo ruolo fondamentale nella vita economica e sociale della Capitale.

Ultimo aggiornamento: 23:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA