Conte incontra la comunità ebraica: «L'antisemitismo è il suicidio dell'uomo europeo»

ARTICOLI CORRELATI
«Ogni antisemitismo é un suicidio dell'uomo europeo, che disprezzando l'ebreo rinnega se stesso, parte della sua identità». Così il premier Giuseppe Conte nel suo discorso al Museo Ebraico della Sinagoga di Roma dove si è recato oggi, ricordando «il fondamentale contributo della cultura ebraica alla cultura mondiale ed europea in particolare» «Forse Anche l'ignoranza spinge a questi atteggiamenti di intolleranza».
 
 


«Un progressivo degrado della convivenza civile a cui porre argine», dimostrato da episodi di antisemitismo e di intolleranza, é stato denunciato dal premier. «L'impegno dell'Italia nella lotta a ogni forma di discriminazione e di intolleranza», é stato riaffermato da Conte. «Questo governo farà la sua parte anche sul fronte interno», ha detto il premier. «Anche in Italia e a Roma alcuni episodi sono la spia di un affievolimento della sensibilità collettiva verso forme di razzismo», ha detto Conte ricordando il furto delle cosiddette 'pietre d'inciampò nella capitale che ricordano i deportati ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale. Il premier ha citato anche «i cori razzisti nelle manifestazioni sportive e le denunce di singoli per le offese odiose per l'appartenenza religiosa».

«Il silenzio non è la risposta all'abisso del male dell'Olocausto. Il racconto dei sopravvissuti della Shoah arriva come monito fino a noi e continua ad aver bisogno di parole», ha aggiunto. «Ancora oggi, colpevolmente, siamo spesso indifferenti a forme latenti o esplicite di antisemitismo».
Venerdì 18 Gennaio 2019, 13:21 - Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 15:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-18 17:45:06
Antisemitismo non esiste piú quello di oggi nelle sue forme latenti é ANTISIONISMO, e ANTIKALERGISMO come pure antidictat del politicamente corretto.

QUICKMAP