Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

GIUSEPPE CONTE

Conte tuona: «Qualcuno ci vuole fuori dal governo. Dl aiuti? Spero non si pensi di mettere la fiducia»

Mercoledì 4 Maggio 2022
Conte tuona: «Qualcuno ci vuole fuori dal governo. Dl aiuti? Spero non si pensi di mettere la fiducia»

Il Movimento 5 Stelle continua a incendiare la stabilità della maggioranza. La spaccatura col Pd sul tema inceneritore, le perplessità sul tema armi-Ucraina e la polemica con Draghi per la questione Superbonus. Il leader dei pentastellati Giuseppe Conte alza (di nuovo) la voce: «Dicono che il M5S vuole uscire dal governo ma inizio a pensare che qualcuno voglia spingere il M5S fuori dal governo, se è questa l'intenzione lo dicano chiaramente», le sue parole alla presentazione della scuola politica del Movimento, rispondendo a una domanda sulle critiche rivolte dal premier Mario Draghi al Superbonus. «Credo ci sia una demonizzazione strategica di questa misura», ha aggiunto.

 

Governo, la guerra del M5S. Ma Draghi non teme crisi: «L'esecutivo non è a rischio»

Legge elettorale, la guerra fa "esplodere" le coalizioni: nel Pd cresce la spinta al proporzionale

 

Conte: rispetto per i nostri elettori

«Chiedo rispetto per 11 milioni di cittadini che hanno votato il Movimento, non vanno presi in giro», rimarca l'ex presidente del Consiglio, che aggiunge: «Sulla norma sull'inceneritore spero non si pensi neppure lontanamente di calare la fiducia. La fiducia semmai la chiediamo noi. Cingolani? Mi è stato detto che con questa norma non c'entra nulla». Poi il tema guerra: «Siamo il partito di maggioranza relativa, vogliamo dare un contributo perché si pervenga all'unico obiettivo politico accettabile, cioè: condanniamo la Russia, sosteniamo convintamente l'Ucraina, ma nello stesso tempo l'Italia deve lavorare incessantemente per una soluzione politica. L'obiettivo non è sconfiggere la Russia, una follia coinvolgere il mondo intero», aggiunge. 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA