Ministro Orlando a Salvini: «Coprifuoco non è una bandierina da agitare. Per riaperture evitare effetto boomerang»

Martedì 27 Aprile 2021
ministro del Lavoro Andrea Orlando intervistato a L'aria che tira

«Il coprifuoco non è una bandierina da agitare». Lo ha detto il ministro del Lavoro Andrea Orlando ospite a 'L'aria che tira' in onda su La7, intervistato sulla posizione di Matteo Salvini e Matteo Renzi sul divieto di uscire a partire dalle ore 22. «Siamo tutti contro il coprifuoco - ha poi specificato - bisogna capire quando si potrà compiere il passo successivo». Un passo che saranno i numeri legati al Covid a determinare o meno. 

Covid, Matteo Renzi «il coprifuoco nei prossimi giorni andrà tolto ma basta con la guerra politica»

Coprifuoco alle 22, regole e sanzioni: oggi il voto in Parlamento per abolirlo


Sulle riaperture il ministro ha sottolineato quanto sia importante evitare l'effetto boomerang e quanto conti trovare il giusto equilibrio tra le limitazioni necessarie per garantire la sicurezza delle persone rispetto al contagio e la ripresa delle attività per il sostentamento economico del Paese. Le misure prese finora non sarebbero state dettate da un capriccio ma dalla volontà di «evitare di fare gli errori compiuti in passato qui da noi e anche all'estero»

Riaperture, Coldiretti: in zona gialla 1 milione di italiani ha deciso di cenare fuori

Orlando avrebbe, inoltre, consigliato al leader della Lega Salvini di sostenere il Governo come dovrebbe fare ogni partito in maggioranza senza manifestare contro di esso perché «sono anziano abbastanza da sapere che i governi, quando alcuni dei loro alleati vanno in piazza, non vanno lontano». 

Salvini approfitta delle riaperture per pranzare al ristorante con la fidanzata
 

Per quanto riguarda il lavoro il ministro si è invece detto pronto a pagare parte dei contributi per la formazione in cambio di garanzie di assunzione.

 

Ultimo aggiornamento: 18:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA