Covid, Cimmino (Yamamay): «Stop ai centri commerciali favorisce la concorrenza sleale»

Giovedì 3 Dicembre 2020

«Col favore della notte, ignorando l'allarme di chi conosce il mondo del lavoro e dell'impresa, il governo col nuovo Dpcm minaccia di chiudere i centri commerciali nei weekend di dicembre. Questo significherebbe non soltanto creare disagi e favorire la concorrenza sleale del commercio online, ma certificare la morte della distribuzione fisica in Italia. Lo scrive in una nota Gianluigi Cimmino, Ceo di Pianoforte Holding, gruppo che include Yamamay, Carpisa e Jaked.

LEGGI ANCHE Spostamenti, i senatori Pd e le Regioni a Conte: «Cambi le regole tra i Comuni». Valle d'Aosta: siamo infastidi da questa norma

«Non esiste alcuna 'elemosina di Stato', come quella che il governo sembra promettere, che possa compensare un danno simile: è il momento di salire sulle barricate. Serve chiarezza: bisogna indagare su tutti i possibili conflitti d'interesse da parte di questo governo con i grandi operatori e-commerce stranieri che vengono oggettivamente favoriti. I flussi nei centri commerciali potevano e possono essere regolati da norme chiare, che gli operatori avrebbero come sempre rispettato e fatto rispettare, ma e' intervenuta una decisione politica. Non possono essere imprenditori e lavoratori a pagare ancora una volta l'incapacità di questi signori nella gestione della seconda ondata, che non hanno fatto cio' che andava fatto per evitarla. Il nostro gruppo, come altri, si prepara ad azioni clamorose per porre fine a questa dittatura economica a guida straniera».

Ultimo aggiornamento: 20:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA