Crollo ponte, Conte a Genova. Salvini: accerteremo le responsabilità. Di Maio: lo Stato c'è

Crollo ponte, Di Maio a Genova: lo Stato c'è
ARTICOLI CORRELATI
1
  • 55
Il premier Giuseppe Conte è andato oggi a Genova per il crollo del ponte Morandi che ha provocato secodo un bilancio provvisorio almeno 35 morti.

 


«Profondamente colpito dalla tragedia che ha interessato Genova, mi sono messo immediatamente in contatto con il ministro Danilo Toninelli, il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli e le autorità competenti - ha scritto Conte su Facebook -. Sono in costante aggiornamento con i responsabili dei soccorsi e tra qualche ora mi sposterò a Genova per seguire direttamente in loco il coordinamento delle attività e per portare la vicinanza di tutto il Governo alle vittime di questa tragedia e ai loro familiari. Ringrazio la macchina dei soccorsi che, come sempre, si è attivata prontamente e continua a operare con grande umanità e professionalità».





«È una tragedia immane». Così il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio. «Tutto il governo, in particolare il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, sta seguendo con attenzione quanto sta succedendo a Genova», scrive ancora Di Maio su Facebook.





Il vicepremier ringrazia i soccorritori che sono «incessantemente al lavoro» e annuncia che si sta recando sul posto perché «lo Stato, in questo momento, deve far sentire la sua vicinanza ed essere accanto prima di tutto alle famiglie delle vittime».





«Un ringraziamento alle centinaia di professionisti e volontari impegnati da ore nei soccorsi e una preghiera per le vittime e per le loro famiglie. Andremo fino in fondo per accertare le responsabilità di questo disastro immane». Lo scrive il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, su Facebook, in merito al crollo del ponte a Genova.
 


«Stiamo seguendo dalla Sala Operativa di Roma minuto per minuto la situazione del crollo del ponte di Genova, ringrazio fin da ora i 200 Vigili del Fuoco (e tutti gli altri eroi) già al lavoro per salvare vite», aveva scritto Salvini in precedenza.

 
Martedì 14 Agosto 2018, 15:53 - Ultimo aggiornamento: 14-08-2018 19:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-08-14 17:55:04
Caro Salvini ormai sappiamo come finiscono queste cose trovati i colpevoli nessuno va in galera e poi cè già lo scarica barile delle responsabilità di chi doveva fare manutenzione o chi doveve vigilare

QUICKMAP