Di Maio: «Un miliardo alle famiglie, poi giù le tasse e su gli stipendi»

Luigi Di Maio
«È arrivato il momento di fare un altro scatto in avanti» destinando il miliardo di risparmi che arriverà dal reddito di cittadinanza alle famiglie: «Dare più risorse alle famiglie è una forza che vogliamo mettere nel sistema e che si completerà poi con altri due passaggi fondamentali: l'abbassamento delle tasse con la riduzione del cuneo fiscale e l'aumento degli stipendi dei lavoratori, con l'introduzione del salario minimo, che in Italia può fare davvero la differenza e che vogliamo portare anche in Europa!». Così Luigi Di Maio in un post su Fb.

 

Il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, nei giorni scorsi ha dichiarato che le domande per il reddito di cittadinanza arriveranno entro l'anno a circa 1,3 milioni, ricorda Di Maio che commenta: «È un risultato che ci riempie di orgoglio. E vi voglio anche dire che prevediamo un risparmio di circa 1 miliardo di euro, perché sono arrivate moltissime domande per il reddito di cittadinanza, ma, come avevamo detto, facciamo controlli rigorosi e da questi controlli risulta che una parte di persone che ne hanno fatto richiesta non rientra nei requisiti. Questo miliardo risparmiato tornerà alle famiglie italiane. Lo vogliamo dare a chi oggi ha paura di fare un figlio perché le condizioni economiche non glielo permettono, a quelle coppie che un figlio già ce l'hanno ma stentano ad arrivare alla fine del mese e a chi di figli ne ha più di uno, ma con un solo stipendio in casa».

«Un miliardo alle famiglie, questo è un altro tassello del cambiamento. Per metterci alle spalle anni di false promesse, di discorsi vuoti sull'economia reale, sul rilancio del Paese» aggiunge il vicepremier e ministro del lavoro e dello sviluppo.


Di Maio poi è andato a “L’Intervista” di Maria Latella su Sky TG24 e parlando dell’abolizione delle Province ha detto: «Se scuole e strade sono in queste condizioni è perché in questi venti anni se ne sono occupate le province che avevano solo autonomia finanziaria per pagare gli stipendi ai consiglieri provinciali. La riforma Delrio ha fatto un pasticcio ancora più grande. Se dobbiamo risolvere i problemi delle strade e delle scuole, la miglior cosa è non creare altre duemila e cinquecento poltrone di consiglieri provinciali eletti direttamente da pagare. Significherebbe prendere altri soldi e spostarli sugli stipendi. Se ne devono occupare Comuni e Regioni. Semplificare significa eliminare Enti, non aggiungerne».
Venerdì 3 Maggio 2019, 16:00 - Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 12:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-05-04 16:54:26
Perfetto,se queste promesse le fa l'uomo della provvidenza,siamo tutti molto sereni e rilassati !!!
2019-05-04 09:44:02
questo governo lo trovo ridiclo danno I soldi via a palate ma il lavoro dove e? se io venissi in italia troverei un lavoro ? credo di no quindi mi vuoi mantenere? innanzitutto le paghe italiane sono troppo basse io guadagnavo 35 mila dollari annui nel 2003 ed ero una impiegato di uccifio per una agenzia del governo Americano un lavoro che trovai sul giornale pensa un po' mica ho dovuro fare conconrsi per aver un lavoro del genere io avevo una qualifica di Stato ed ero la perfetta candidate per quell lavoro ed anche la fedina penale puluta perche lavorare per il governo devi essere pulito , in italia non esiste tutto questo le paghe ripeto sono troppo basse io credo che con andare cosi' fra 25 anni avrete un popolo povero senza contribute ne' conti in banca pronti a vivere in comunita' v errano I military a dare loro il pranzo o la cena ?
2019-05-03 19:35:31
Ma la lotta all'evasione? ai delinquenti criminali? Ed ai complici? poi ci lamentiamo che i servizi sono scadenti.
2019-05-03 18:49:52
Quest'anno le tasse universitarie, almeno per me, sono aumentate il doppio, lo sa il DI Maio che se io pago un "tot", qualcuno non paga nulla, come stanno oggi le cose io pagando il doppio e come se pagassi io a quello che non paga o c'é qualcosa che non quadra...
2019-05-03 20:03:11
di maio non puo saperlo perchè non frequenta l'università e non l'ha mai frequentata per davvero (pochissimi esami nei cambi vari di università) quindi come puo' saperlo?....ma lei crede ancora in lui?? la invito vivamente a leggere il suo curriculum sul sito...veda le sue capacità dove le ha imparate...poi ne riparliamo tra una lezione di sub e un altra. saluti sto usando account di altra persona mio amico.

QUICKMAP