LA POLITICA

Governo, Mattarella conferisce l'incarico a Meloni. Giorgia: «Esecutivo di alto profilo che lavorerà spedito». Domani il giuramento alle 10 in Quirinale. La lista dei 24 ministri

Nasce il governo Meloni
Nasce il governo Meloni
Venerdì 21 Ottobre 2022, 07:34 - Ultimo agg. 22 Ottobre, 07:05

Gentiloni: «Grazie a Draghi, molti auguri a Meloni. E viva la democrazia»

«Un grande grazie a Mario Draghi, molti auguri Giorgia Meloni. E viva la democrazia». Lo scrive in un tweet il commissario europeo agli Affari Economici, Paolo Gentiloni.

Meloni: «Esecutivo di alto profilo che lavorerà spedito»

«Ho accettato, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, l'incarico per formare il nuovo governo e ho presentato la lista dei ministri. Un esecutivo di alto profilo che lavorerà spedito per rispondere alle urgenze della Nazione e dei cittadini». Lo scrive sui social Giorgia Meloni.

 

Bernini: «Mio pensiero a chi da lassù mi guida e mi ispira»

«È con gratitudine, commozione e grande senso di responsabilità che ricevo dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, l'incarico di Ministro dell'Università e della Ricerca. Ringrazio il premier Giorgia Meloni per la fiducia che mi ha accordato e che onorerò con impegno. Con profondo affetto ringrazio il Presidente Silvio Berlusconi per la stima che ha sempre avuto in me, per avermi supportata e sostenuta in questi anni. Domani sarà un giorno importante. Per me, per la mia famiglia, ancora di più. Il mio pensiero va a chi c'è sempre stato, a chi da lassù mi guida e mi ispira. Grazie a tutti voi che avete sempre creduto in me». Lo scrive sui suoi profili social Anna Maria Bernini.

 

Fitto: «Consapevole della responsabilità»

«Fin dal giorno dopo le elezioni eravamo consapevoli tutti, Giorgia Meloni in testa, che il momento è difficile e non bisognava perdere tempo. Da domani il Governo Meloni sarà già al lavoro! Ringrazio Giorgia Meloni per la fiducia, sono onorato ma anche consapevole della responsabilità». Così su Twitter Raffaele Fitto ministro agli Affari europei, per politiche di coesione e per il Pnnr.

 

Meloni al Senato a colloquio con presidente La Russa

Il presidente del Consiglio incaricato Giogia Meloni è al senato a colloquio con il pesidente Ignazio La Russa. In una nota l'ufficio stampa di Meloni ha spiegato cheIl presidente incaricato «prima di incontrare i Presidenti di Camera e Senato, ha sentito telefonicamente il presidente Mario Draghi».

Musumeci: «Coronamento di una vita dedicata alla politica»

«Una grande emozione. Una grande soddisfazione, che conferma il riconoscimento del lavoro svolto in questi anni alla presidenza della Regione Siciliana. Il coronamento di una vita dedicata alla politica». Così Nello Musumeci commenta all'Adnkronos la nomina a ministro del Sud e del Mare. «Una grande responsabilità -aggiunge- che affronterò con impegno e dedizione. Grazie a Giorgia Meloni e agli altri leader del centro destra per la fiducia che hanno riposto in me. Pronti a risollevare l'Italia».

 

Tajani: «Pronto a servire Italia con lealtà e fedeltà»

«Con grande emozione ricevo dal Presidente Mattarella, su indicazione del Presidente del Consiglio incaricato Giorgia Meloni, la nomina a Ministro degli Esteri. Sono pronto a servire l'Italia con lealtà e fedeltà. Grazie al Presidente Berlusconi per la fiducia nei miei confronti». Così su Twitter Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia e vicepresidente del Partito Popolare Europeo.

 

Conte: «Segnali preoccupanti, opposizione senza sconti»

«Auguri di buon lavoro a Meloni. La lista dei ministri conferma, però alcuni segnali preoccupanti. Crosetto che passa direttamente dalla rappresentanza di interessi di industrie che operano nel settore della difesa al ministero competente, a garanzia di una sicura corsa al riarmo; FI alla guida degli Esteri dopo le gravi esternazioni di Berlusconi sulla guerra in Ucraina; segnali sparsi che preannunciano un brusco arretramento nel percorso di riconoscimento e rafforzamento dei diritti civili. Prepariamoci a un'opposizione intransigente e senza sconti, per il bene del Paese». Lo scrive su fb il leader del M5s Giuseppe Conte.

 

Errore trascrizione in lista ministri: Fratin è all'Ambiente, Zangrillo alla Pa

«Si precisa che a causa di un errore di trascrizione nella stesura della lista dei ministri sono stati erroneamente invertiti due nomi. Di seguito l'indicazione corretta: senatore Gilberto Pichetto Fratin: ministro dell'Ambiente e della sicurezza energetica; onorevole Paolo Zangrillo ministro della Pubblica amministrazione». Lo precisa l'ufficio stampa della premier incaricata Giorgia Meloni (FdI).

Meloni sente Draghi prima di incontrare presidenti Camera e Senato

Prima di incontrare i Presidenti di Camera e Senato, il presidente Giorgia Meloni ha sentito telefonicamente il presidente Mario Draghi. Lo rende noto l'ufficio stampa di Meloni.

Calenda: «A Meloni auguriamo successo per l'Italia»

«Auguri a Giorgia Meloni. Avere una presidente del Consiglio donna che si è battuta con coraggio per arrivare a Palazzo Chigi con le sue sole forze è comunque un gran cambiamento per l'Italia. Saremo all'opposizione. Ma le auguriamo di avere successo per l'Italia». Lo scrive su twitter il leader di Azione Carlo Calenda.

 

Governo Meloni: 9 ministri a FdI, 5 a Forza Italia, 5 alla Lega e 5 tecnici

Nove ministri a Fratelli d'Italia, cinque a Forza Italia, cinque alla Lega, e altrettanti tecnici: questa la fisionomia del nuovo governo guidato da Giorgia Meloni che giurerà domai al Quirinale. La leader di FdI, oltre al sottosegretario Alfredo Mantovano, ha scelto nove ministri esponenti del suo partito: l'ex magistrato Carlo Nordio, il cofondatore di FdI Guido Crosetto, Adolfo Urso, i capigruppo di Camera e Senato Francesco Lollobrigida e Luca Ciriani (che dovranno essere sostituiti), Daniela Santanché, Raffaele Fitto, Nello Musumeci ed Eugenia Roccella. I ministri in quota FI sono Antonio Tajani, Paolo Zangrillo, Anna Maria Bernini, Gilberto Pichetto ed Elisabetta Casellati. Quelli della Lega sono il leader Matteo Salvini, Giancarlo Giorgetti, Roberto Calderoli, Giuseppe Valditara e Alessandra Locatelli. I tecnici sono il prefetto Matteo Piantedosi, in quota Lega, Marina Elvira Calderone, la presidente dei consulenti del lavoro, in quota FdI come Andrea Abodi, presidente dell'Istituto per il credito sportivo, Orazio Schillaci, Rettore dell'Università di Roma «Tor Vergata», e il giornalista Gennaro Sangiuliano, dal 2018 direttore del Tg2 Rai.

 

Lollobrigida: «Nuovo ministero come in Francia, difenderemo nostri prodotti»

«Il nuovo ministero non è inedito, lo hanno anche in Francia, hanno difeso meglio i loro prodotti. Riteniamo sia in linea con la vocazione che avremo anche noi, difendere i nostri prodotti». Così Francesco Lollobrigida, neo-ministro dell'agricoltura e della sovranità alimentare, arrivando in Senato.

 

Santanchè: «Tutto il mio impegno per rilanciare il turismo»

«Ringrazio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e GiorgiaMeloni per la fiducia concessami. Metterò tutto il mio impegno per rilanciare il turismo in Italia e l'economia di migliaia di famiglie impiegate in questo importante settore». Lo scrive su Twitter Daniela Santanché che sarà ministra del Turismo nel governo Meloni.

 

Valditara: «Istruzione ministero strategico per sviluppo della nazione»

Il ministero dell'Istruzione è «strategico» per lo sviluppo del Paese secondo Giuseppe Valditara, appena nominato a guidare il dicastero. «Sono onorato di servire il Paese in un Ministero strategico per lo sviluppo della Nazione - ha detto all'ANSA il professore, che in passato è stato capo dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca del Miur -. Aver coniugato Istruzione e merito è un messaggio politico chiaro».

 

Meloni guarda foto Borsellino: «Si chiude un cerchio»

«Sapete che è molto curioso? Io come sapete ho iniziato a fare politica il giorno dopo la strage di Via D'Amelio. È un cerchio che si chiude. Ora salgo questa scala e ci sono le immagini di Paolo Borsellino». Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni che, mentre lasciava Montecitorio, ha visto le foto della mostra dell'Ansa «A testa alta» che sono esposte nel Palazzo e raffigurano, tra gli altri, il magistrato antimafia oltre a Giovani Falcone e al Generale Dalla Chiesa.

Domenica alle 10.30 cerimonia campanella, poi primo Cdm

Si svolgerà domenica 23 ottobre, alle 10.30 a Palazzo Chigi, la tradizionale cerimonia del passaggio di consegne tra il presidente uscente, Mario Draghi, e il presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni. Al termine della cerimonia, alle 12.00, si terrà la prima riunione del Consiglio dei Ministri.

Meloni: il video in cui legge i nomi dei ministri con portafoglio

Video

 

Salvini: «Uniti, rapidi ed efficienti: come promesso»

«Uniti, rapidi ed efficienti: come promesso, nasce il governo di centrodestra voluto da milioni di italiani. Le donne e gli uomini scelti dalla Lega si occuperanno direttamente di cantieri e lavoro, economia, scuola, sicurezza, autonomia e persone disabili. Domani ci sarà il giuramento, poi tutti in ufficio per l'Italia e per gli italiani». Lo scrive su Facebook il segretario della Lega Matteo Salvini, da domani nuovo ministro delle Infrastrutture e delle mobilità sostenibili.

Letta: ferma opposizione ma donna premier è fatto storico

«Dopo aver ascoltato lista, nomi e denominazioni del #GovernoMeloni dico ancora più convintamente #opposizione, opposizione, opposizione. L'unica novità è una donna premier, un fatto storico per il nostro Paese, oggettivamente da riconoscere». Lo scrive su twitter il segretario del Pd Enrico Letta.

 

Piantedosi: «Accolgo incarico con senso di responsabilità, onore e profonda dedizione»

«Ringrazio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, per la fiducia. Accolgo questo incarico con senso di responsabilità, onore e profonda dedizione, certo di poter contare sull'altissima professionalità dell'amministrazione dell'Interno». Così all'Adnkronos Matteo Piantedosi, appena designato ministro dell'Interno.

Salvini: «Cinque anni insieme per cambiare l'Italia»

«Cinque anni insieme per cambiare l'Italia». Così Matteo Salvini postando suo social una foto con Giorgia Meloni, premier incaricato.

 

Crosetto: grazie a Mattarella e Meloni per fiducia riposta in me

«Voglio ringraziare il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la Presidente del Consiglio Giorgia Meloni per la fiducia che hanno riposto in me, ritenendomi degno di servire la Nazione al Ministero della Difesa. Lo farò con la serietà istituzionale che il momento richiede». Lo scrive su Twitter il cofondatore di FdI Guido Crosetto, che domani al Quirinale giurerà come ministro della Difesa.

 

Ministeri, con Meloni esordiscono "mare", "sovranità alimentare" e "merito"

Con il primo governo guidato da una donna, «esordiscono» per la prima volta alcuni termini nelle denominazione dei vari ministri. Il tradizionale Mise sarà anche ministero delle «imprese e del made in Italy». Il ministero delle politiche agricole, si chiamerà anche della «sovranità alimentare» e quello dell'Istruzione, sarà anche «del merito». Il ministero della Transizione ecologica e Ambiente sarà anche della «sicurezza energetica». Il ministero degli Affari europei si chiamerà anche delle «politiche di coesione territoriale e del Pnrr», quindi il ministero del sud si chiamerà anche del Mare e infine quello della Famiglia e pari Opportunità si chiamerà anche della «natalità».

Berlusconi: «Congratulazioni al nuovo presidente del Consiglio. Da FI contributo decisivo»

«Congratulazioni al nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni e ai ministri. Buon lavoro e tutti. Noi di Forza Italia daremo un contributo decisivo e qualificato: possiamo finalmente affrontare i problemi degli italiani e far ripartire il paese». Lo scrive sui social Silvio Berlusconi.

 

 

Mattarella: «Veloci per condizioni interne e internazionali»

«È stato necessario procedere velocemente anche in considerazione delle condizioni interne e internazionali che esigono un governo nella pienezza dei suoi compiti». Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Mattarella: grazie ancora a Draghi

Mario Draghi «ha fatto fronte all'esigenza di guida de Paese, concludendo la sua attività col consiglio europeo, lo ringrazio ancora una volta». Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

 

 

Mattarella: «Buon lavoro a nuovo governo»

«Rivolgo con lo stesso spirito di collaborazione il buon lavoro al nuovo governo che domani mattina con il giuramento inizierà a svolgere i suoi compiti». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Quirinale.

La listra dei ministri senza portafoglio

Ecco a lista dei ministri presentata dalla leader di Fratelli d'Italia al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ministri senza portafoglio

 

Rapporti con il Parlamento - Luca Ciriani

Pubblica amministrazione - Gilberto Pichetto Fratin

Affari regionali e autonomie - Calderoli

Politiche del mare e per il Sud - Musumeci 

Affari europei - Fitto

Sport e giovani - Abodi

Famiglia, natalità e pari opportunità - Roccella

Disabilità - Locatelli

Riforme istituzionali - Casellati

La lista dei ministri con portafoglio

Ecco a lista dei ministri presentata dalla leader di Fratelli d'Italia al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ministri con portafoglio.

Esteri Antonio Tajani – per cui Meloni ha proposto la vicepresidenza

Interno – Piantedosi

Giustizia – Nordio

Difesa – Crosetto

Economia – Giorgetti

Sviluppo Economico (Ministero delle imprese e del Made in italy): Urso

Ministro dell'agricoltura e sovranità alimentare: Lollobrigida

Transizione ecologica (Dell'ambiente e della sicurezza energetica): Zangrillo

Infrastrutture: Salvini – per cui Meloni ha proposto la vicepresidenza

Lavoro e politiche sociali: Calderone

Istruzione: Valditara

Università e ricerca: Bernini

Cultura: Sangiuliano

Salute: Schillaci

Turismo: Santanchè

Antonio Tajani agli Esteri, Piantedosi agli Interni

Antonio Tajani agli Esteri, Piantedosi agli Interni: sono due de ministri del nuovo governo Meloni

Meloni ha presentato a Mattarella lista dei ministri

Meloni ha accettato l'incarico e ha presentato al presidente della Repubblica l'elenco dei ministri ai sensi dell'articolo 92 della Costituzione. 

Giuramento governo Meloni domani alle 10

Il giuramento del governo Meloni sarà domani alle 10

Mattarella conferisce l'incarico a Meloni

«Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l'incarico a formare il governo a Giorgia Meloni che ha accettato l'incarico e ha presentato l'elenco dei ministri». Lo ha detto il segretario Generale del Quirinale, Ugo Zampetti.

Colloquio Meloni-Mattarella in corso da un'ora

È in corso da un'ora il colloquio al Quirinale fra il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e la leader di FdI, Giorgia Meloni.

Berlusconi chiama Draghi: grazie per prezioso lavoro svolto

Il presidente Silvio Berlusconi, a quanto si apprende, ha telefonato al presidente del Consiglio uscente Mario Draghi per salutarlo, per ringraziarlo del prezioso lavoro svolto e gli ha augurato nuovi successi.

Meloni a colloquio con Mattarella: la foto sui social

Meloni a colloquio con Mattarella: la foto sui social 

 

 

Giorgia Meloni arrivata al Quirinale

Giorgia Meloni è arrivata al Quirinale per incontrare Mattarella

Scholz: continueremo relazione buona con l'Italia

«Siamo tutti insieme come nazioni europee nell'Ue ed è essenziale che noi democrazie collaboriamo molto. Tutte le volte che ci sono cambi di governo a causa delle elezioni, come in una democrazia, questo non può rovinare le buone relazioni che abbiamo con gli altri stati membri o, per esempio, che noi abbiamo tra Germania e Italia. Continueremo a lavorare con una collaborazione molto buona tra i due Paesi e nell'ambito dell'Unione europea perseguendo le nostre comuni prospettive». Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz interpellato sull'imminente incarico a Giorgia Meloni per il nuovo Governo italiano.

Macron: pronto a lavorare con la futura premier Meloni

«Sono pronto a lavorare» con la futura premier Giorgia Meloni e «la incontrerò intorno al tavolo del Consiglio europeo». Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron senza però volersi sbilanciare sulla possibilità di un primo incontro domenica o lunedì a Roma, dove Macron vedrà il capo dello Stato Sergio Mattarella e il pontefice. «Voglio rispettare la prassi», ha aggiunto il capo dell'Eliseo.

Draghi: con l'accordo in Ue presto bollette più basse

«La decisione di questa notte ha portato ad un calo del prezzo del gas, dopo l'accordo le quotazioni hanno perso il 10% a dimostrazione che la componente speculativa è rilevante. Questo è il mondo in cui andava affrontata la crisi dall'inizio e si tradurrà presto in bollette più basse». Lo ha detto il premier Mario Draghi nella conferenza stampa al termine del Vertice Ue.

Draghi: Italia deve essere al centro del progetto europeo

«Questa è la mia ultima conferenza stampa a Bruxelles, e la mia ultima da presidente del Consiglio. Voglio ringraziare tutti voi giornalisti, in particolare voi di base a Bruxelles. Raccontare quello che succede qui è difficile, può richiedere lunghe nottate ma è essenziale». Lo ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa. «L'Ue è fondamentale, l'Italia deve essere al centro del progetto europeo con la credibilità, l'autorevolezza, la determinazione che si addice a un grande Paese come il nostro», ha aggiunto.

Berlusconi: Grazie a supporto Fi governo sarà all'altezza

«Il centrodestra ha indicato al Presidente Mattarella il nome di Giorgia Meloni per formare il nuovo governo. Sono sicuro che, grazie al supporto imprescindibile di Forza Italia, il prossimo esecutivo sarà all'altezza di guidare il Paese verso la crescita». Lo scrive su twitter il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

Meloni, pranzo a Montecitorio con Lollobrigida e Ciriani

Giorgia Meloni è a pranzo al ristorante di Montecitorio. Subito dopo le consultazioni al Colle ha trascorso la mattinata al gruppo di Fdi alla Camera, con i capigruppo Francesco Lollobrigida e Luca Ciriani. La leader di Fdi è attesa al Quirinale alle 16,30.

Mattarella convoca Meloni per le 16,30

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato per le ore 16,30 di questo pomeriggio, al Palazzo del Quirinale, l'onorevole Giorgia Meloni. L'ufficio stampa del Quirinale comunica che la Sala della Loggia d'onore sarà riaperta alle 15,30.

Salvini: «Pronti a prendere per mano il nostro splendido Paese»

«Pronti a prendere per mano il nostro splendido Paese». Lo scrive il leader della Lega Matteo Salvini su Facebook postando una foto della delegazione del centrodestra al Quirinale durante le dichiarazioni di Giorgia Meloni al termine delle consultazioni con Sergio Mattarella.

Incarico a Meloni nel pomeriggio

L'eventuale incarico a Giorgia Meloni per la formazione del governo potrebbe avvenire nel pomeriggio. La prassi, infatti, spiegano al Quirinale, prevede che il capo dello Stato si prenda una pausa di riflessione dopo l'incontro di questa mattina con la delegazione di centrodestra. Si attende quindi un comunicato della Presidenza della Repubblica che chiama al Quirinale il premier che sarà incaricato. Dal Quirinale non aggiungono altro ma fonti parlamentari fanno sapere che, con tutta probabilità, ciò non avverrà fino alla conclusione del Consiglio Europeo di Bruxelles dove è impegnato a rappresentare l'Italia Mario Draghi. Quindi tutto fa pensare che possa avvenire una chiamata nel tardo pomeriggio di oggi.

Consultazioni lampo, Meloni: le idee sono abbastanza chiare

«È andata bene. Le idee sono abbastanza chiare». Così Giorgia Meloni risponde ai cronisti che le chiedono del rapidissimo colloquio con Sergio Mattarella.

 

 

Video

 

Meloni: «È andata molto bene»

«È andata molto bene». La leader di Fdi, Giorgia Meloni, risponde così ai giornalisti che la attendevano al suo rientro alla Camera dopo le consultazioni al Quirinale. Con lei, ma senza rilasciare dichiarazioni, i due capigruppo, Ciriani e Lollobrigida.

Meloni: grazie a Mattarella

«Attendiamo le determinazioni del presidente Mattarella, che ringraziamo per il suo magistero in questo momento importante per la Nazione». Lo dice Giorgia Meloni al termine della consultazione al Quirinale con il Capo dello Stato.

Meloni: siamo pronti

Il centrodestra ha proposto «al presidente della Repubblica l'indicazione della sottoscritta come persona incaricata a formare il governo. Attendiamo le determinazioni del Presidente della Repubblica e già da ora siamo pronti, vogliamo procedere nel minor tempo possibile». Così la leader di FdI, Giorgia Meloni, dopo le consultazioni con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il centrodestra.

Meloni: «Nuovo governo nel minor tempo possibile. Centrodestra ha indicato me come premier»

«La delegazione del centrodestra che ha incontrato il presidente ha convenuto sulla necessità di dare un nuovo governo nel minore tempo possibile perchè le urgenze sono moltissime a livello nazionale e internazionale . Tutta la coalizione che non a caso si è presentata insieme alle consultazioni, ha dato indicazione unanime proponendo la sottoscritta». Così la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni al termine delle consultazioni al Quirinale, parlando a nome della delegazione del centrodestra.

Meloni al Colle

Giorgia Meloni, con i capigruppo di Fdi Luca Ciriani e Francesco Lolloobrigida, è entrata a piedi al palazzo del Quirinale per le consultazioni con il Capo dello Stato Sergio Mattarella.

Berlusconi e Tajani arrivano separati al Colle

Prima di recarsi al Colle per le consultazioni Silvio Berlusconi posta una foto su Instragram che lo ritrae sorridente a Villa Grande con i neocapigruppo di Forza Italia, Licia Ronzulli e Alessandro Cattaneo. Nello 'cattò manca il numero due azzurro, Antonio Tajani (dato in pole agli Esteri nel governo Meloni), che raggiungerà il Cav direttamente al Quirinale. Ad accompagnare l'ex premier, che guida Fi nella delegazione del centrodestra, anche il giornalista dello staff di Arcore, Paolo Emilio Russo, approdato per la prima volta in Parlamento (è stato eletto deputato).

Salvini: non vedo l'ora che si passi dalle parole ai fatti

«Non vedo l'ora che si passi dalle parole ai fatti. Finalmente si parte». Lo ha detto Matteo Salvini lasciando Montecitorio per raggiungere il Quirinale. Parlerà solo Meloni, gli viene chiesto: «tra poco lo vedrete», ha risposto.

Lollobrigida: pronti per momento storico

«Siamo sempre stati pronti con responsabilità di chi sa che il peso in questo momento delle scelte è ancora più gravoso». Così Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera, sul nuovo governo all'uscita di Montecitorio.

Lupi: Berlusconi saprà fare un passo indietro

Le acque sono agitate nella maggioranza. «Le fibrillazioni, prima che nasca un governo, sono fisiologiche - dichiara in un'intervista al Qn il leader di Noi Moderati, Maurizio Lupi -. E stavolta incidono forse di più a causa del cambio di leadership. Ma francamente non vedo pericoli». «Il leader di Forza Italia è uomo generoso - afferma Lupi dopo la polemica sui fuori onda di Silvio Berlusconi -. Ô il primo sapere che per fare due passi avanti come coalizione a volte ne serve uno indietro sul piano personale o di partito». In riferimento all'«audio rubato» consiglia prudenza. «Bisogna stare più attenti alle parole che si usano - dice -. Mentre i droni kamikaze seminano morte in Ucraina, non si può parlare di vodka e regali».

Oggi alle 10,30 il centrodestra al Colle

Oggi alle 10,30 la delegazione unitaria del centrodestra salirà al Quirinale nel secondo giorno di consultazioni per la formazione del nuovo esecutivo: la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni parlerà a nome della coalizione

La diretta della giornata politica di oggi, venerdì 21 ottobre 2022. Seconda giornata di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo. Dopo aver ricevuto il centrosinistra ed il Misto di entrambi i rami del Parlamento, il presidente Sergio Mattarella alle 10,30 avrà nello studio alla Vetrata i rappresentanti del centrodestra, con una delegazione a cui prenderanno parte tutti i leader e che sarà guidata da Giorgia Meloni. A quanto si apprende, sarà proprio solo Meloni a rendere dichiarazioni ai giornalisti per l'intera coalizione al termine della consultazione con il Presidente della Repubblica.

Sentite le ragioni della maggioranza possibile, il Capo dello Stato avrà in mano tutti gli elementi per conferire un incarico, presumibilmente a Giorgia Meloni. Incarico che potrebbe arrivare oggi stesso alla leader di Fdi. Ove ci sarà un incarico, a prescindere che lo accetti o meno con riserva, il presidente del Consiglio incaricato per prassi deve andare a comunicarlo personalmente al presidente della Camera (in base alla regola della 'cullà, il nuovo governo nascerà prima a Montecitorio) e poi al presidente del Senato. Infine, dovrà recarsi a Palazzo Chigi a notificare l'incarico al presidente del Consiglio in carica. Ma sui tempi di quando tutto ciò avverrà nessuno, se non il capo dello Stato, può avere certezze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA