Dl Ristori, aiuti fino al 200% per bar e ristoranti: tetto massimo di 150 mila euro. Il documento

Martedì 27 Ottobre 2020 di Rosario Dimito
Dl Ristori, aiuti fino al 200% per bar e ristoranti: tetto massimo di 150 mila euro. Il documento

Ci sono gli attori, le biglietterie esterne e le società di noleggio per gli eventi. Ecco le new entry dell'ultima versione del decreto ristori che il Cdm sta varando nel pomeriggio di martedì 27, attribuendo fino a 150 mila euro alle attività che in teoria non vengono chiuse dall’ultimo Dpcm in vigore da lunedì 26 ma che in ogni caso vengono penalizzate. Aiuti fino al 200% per bar, ristoranti, palestre, taxi. Nella lista, infatti, ci sono anche i tassisti: anche loro in teoria non sono stati fermati e non hanno coprifuoco alle 18.

Ma con il Paese bloccato a quest'ora ed essendo in difficoltà da mesi, il malessere potrebbe aumentare con il coprifuoco serale. La questione è ancora aperta perché aiutare una categoria non oggetto di chiusura o divieti, per quanto in ginocchio, potrebbe innescare un effetto domino difficile poi da gestire. Il decreto Ristori dovrebbe valere 4,5 miliardi di euro. Resta il problema di far quadrare i conti, visto che utilizza gli avanzi di cassa degli interventi degli ultimi mesi.

Poi viene rata cancellata la rata Imu per palestre, piscine, ristoranti e bar, estensione di altre sei settimane di cig. Salvo modifiche ulteriori, esclusi gli hotel.

Ultimo aggiornamento: 19:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA