Draghi a Praga: «Curiosità sul futuro governo, non preoccupazione. Condivido la proposta Gentiloni-Breton su Sure»

«La propaganda russa è sempre più aggressiva». A dirlo è il presidente del consiglio Mario Draghi al summit della comunità politica europea a Praga, con 44 nazioni rappresentate

Draghi: «Propaganda russa sempre più aggressiva. Europa va verso riforma del mercato dell'elettricità»
Draghi: «Propaganda russa sempre più aggressiva. Europa va verso riforma del mercato dell'elettricità»
Venerdì 7 Ottobre 2022, 17:00 - Ultimo agg. 8 Ottobre, 06:43
3 Minuti di Lettura

«La propaganda russa è sempre più aggressiva». A dirlo è il presidente del consiglio Mario Draghi al summit della comunità politica europea a Praga, con 44 nazioni rappresentate.

Elezioni, 13 seggi ancora da assegnare: atteso il verdetto della Cassazione. Ma i ricorsi sono già pronti

«Si sta tornando a parlare di ricostruzione, ci sarà una grande conferenza in Germania per un piano di ricostruzione. Sull'Ucraina c'è grande unità, molti si sono lamentati per una propaganda russa nei loro Paesi più aggressiva». Così il premier Mario Draghi a Praga.

Draghi e il tema energia

«Sull'energia le cose si stanno muovendo. La Commissione presenterà al Consiglio del 19 ottobre una proposta in cui i tre elementi - tentare di diminuire i prezzi, avere un elemento di solidarietà nel meccanismo e inizio della riforma del mercato dell'elettricità - ci saranno». Lo ha detto il premier Mario Draghi parlando con i giornalisti a Praga.

 

Sul nuovo governo

«Quando c'è un cambio di governo e di politica così importante c'è molta curiosità, ma non c'è preoccupazione». Lo ha affermato, nel corso di un punto stampa al termine del Vertice Ue informale di Praga, il presidente del Consiglio, Mario Draghi, quando gli è stato chiesto se ha registrato preoccupazione tra i leader politici europei per il prossimo Esecutivo italiano. «C'è grande rispetto delle scelte degli italiani e interesse - ha spiegato - nel sapere come si evolverà la linea politica del nuovo Governo, cosa che uno ovviamente si trova in difficoltà a dire. Però se uno guarda alle decisioni prese in passato, la linea di politica estera dovrebbe essere invariata»

© RIPRODUZIONE RISERVATA