Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MARIO DRAGHI

Draghi in Senato con i condizionatori spenti, l'aula è incandescente. «Hanno disattivato i pinguini»

Giovedì 19 Maggio 2022 di Mario Ajello
Draghi in Senato con i condizionatori spenti, l'aula è incandescente. «Hanno disattivato i pinguini»

Mario Draghi arriva in Senato e fa scattare l’Effetto Draghi. Ovvero? «Vogliamo il condizionatore d’aria acceso o la pace?», questa la sua celebre battuta. Ebbene, la pace ancora non c’è e, almeno a Palazzo Madama, nemmeno l’aria condizionata. Il clima che accoglie il premier in Senato è da economia di guerra. In linea con quanto ha appena detto in aula il meloniano La Russa: «Dobbiamo tirare la cinghia». E così, la cinghia dei condizionatori è stata tirata già da subito nella seconda sede istituzionale più importante d’Italia, dopo quella del Quirinale. «Mamma mia che caldo, quasi quasi soffoco», dice il segretario d’aula berlusconiano Francesco Giro.

 

Guerra in Ucraina, le notizie di oggi. Bombe su Donetsk: uccisi 10 civili, due sono bimbi. Si è arreso “Kalina”, il vice comandante di Azov

Il grande caldo

E come lui tanti altri cercano di smuovere l’aria con ventagli improvvisati: chi un foglio di carta, chi un libro, chi la bottiglietta d’acqua gelata piazzata sulla fronte, chi un testo legislativo agitato davanti al volto e che possa sostituire - ma ovviamente non in pieno - il “pinguino” che non si accende. «Prima facevo clic e arrivava il freddo, adesso invece faccio clic e il pinguino non risponde. Hanno disattivato, la guerra è guerra, i condizionatori d’aria aggiuntivi nelle nostri studi di senatori e il mio che è sull’altana del palazzo somiglia a una fornace», nota ancora Giro. E quanto al sistema centralizzato dell’aria condizionata dell’intero edificio, è stato tarato al minimo. Si sente appena un’arietta, un tiepido venticello e niente di più, nell’aula e negli spazi tutt’intorno. La dottrina Draghi - quella del rischio di più freddo d’inverno e più caldo d’estate, se non si risolve la vicenda russo-ucraina - si è trasformata da boutade a realtà. Ed è semi-incandescente il Senato, non solo dal punto di vista politico.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 22:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA