Elezioni, Campania decisiva nei collegi: è sfida per la maggioranza

di Paolo Mainiero

5
  • 169
I sondaggi impazzano e le previsioni si disperdono. L'unica certezza, confermata da tutte le rivelazioni, è che il centrodestra è in vantaggio ma non tanto da assicurarsi una maggioranza parlamentare. Gli analisti sono divisi. C'è chi sostiene che difficilmente la coalizione potrà avere i numeri per governare, chi ritiene che il 37-38 per cento possa bastare per avere un'autonomia. Dove il centrodestra, oggi quotato intorno al 35, potrebbe fare il salto decisivo? Al Sud, è la risposta.

Le recenti simulazioni dell'Istituto Ipsos per il Corriere della Sera dicono che l'alleanza Fi-Lega-Fdi-Noi con l'Italia farebbe il pienone al Nord (nella sola Lombardia vincerebbe 31 collegi su 35). Al centro, nel perimetro delle regioni rosse, cederebbe il passo al centrosinistra. Ma basta scendere un po' più giù, nel Lazio, per distanziare il M5s e soprattutto il Pd e i suoi alleati. Il problema, per Berlusconi, Salvini e Meloni è il Sud. Per due motivi: il primo è che nel Mezzogiorno la Lega è debole e quindi la coalizione è meno competitiva; il secondo è che il M5s è forte perchè intercetta il voto di protesta di un elettorato, quello meridionale, tradizionalmente mobile. Dunque, la piena vittoria del centrodestra passa dal Sud, e in particolare da Sicilia e Campania, le regioni più popolose, quelle che assegnano il maggior numero di seggi nell'uninominale (20 e 33). Più collegi il centrodestra riuscirà a strappare ai grillini, più la maggioranza si avvicinerà. Facile a dirsi, più difficile a farsi, al punto che al Pd, dato per sicuro perdente, converrebbe paradossalmente tifare per i cinque stelle e scongiurare così il pericolo che il centrodestra possa vincere troppo.

Campania crocevia, dunque. Motivo per cui il centrodestra più che al fascino dei nomi vuole puntare alla sostanza, ovvero a candidati che siano in grado di fare la differenza. Da qui la decisione di riconfermare tutti gli uscenti e di schierare amministratori e consiglieri regionali e ex assessori radicati sui territori. Poi, ben vengano anche gli esterni. Tuttavia i nomi, e il ragionamento vale per tutti i partiti impegnati in queste ore a far quadrare il puzzle delle candidature, da soli potrebbero non bastare, e sarebbe comunque un errore ridurre la campagna elettorale a una caccia al voto. Si vince, o si perde, anche in base ai programmi, alla proposta che si intende mettere in campo per il Mezzogiorno. E su questo tema, un po' tutti i partiti sono finora stati generici, non andando oltre le infrastrutture che mancano, il turismo da rilanciare, il lavoro come priorità, le risorse da distribuire in modo più equo, le tasse da abbassare. Ma come, in che tempi, con quali fondi ottenere tutto ciò resta nel campo delle incognite.
Che il Sud e la Campania possano essere decisivi deve essere per i partiti uno sprone a fare di più e meglio. Pensare invece di prendersi i voti del Mezzogiorno per vincere e poi scappare sarebbe il peggior viatico per chi si propone come forza di governo.
 
Domenica 21 Gennaio 2018, 10:25 - Ultimo aggiornamento: 21-01-2018 11:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-01-21 18:26:39
A New Yoyk c'è un sindaco italoamericano.....magari a Napoli un sindaco milanese avrebbe messo qualcosa a posto.
2018-01-21 13:12:59
La CAMPANIA ricordera' chi voleva imporre un sindaco MILANESE alla citta' di NAPOLI dimostrando il suo disprezzo per il MERIDIONE..... tant'e' che gli ha fatto mancare solo a NAPOLI e provincia 183mila voti e relegandolo ad un misero 8,9%....
2018-01-21 18:24:21
Forse sei attratto da fritture di pesce e "purpette"
2018-01-21 12:16:29
Certo che gli italiani che vorrebbero un governo Gentiloni bis, o essere governati nuovamente da Berlusconi sono dei masochisti, ma come si fa non lo so, a non volere cambiare le cose in questo paese, meglio se emigrate perchè è il popolo che non vuole cambiare.
2018-01-21 12:14:06
Questi sondaggi sono falsi, ma per piacere.

QUICKMAP