I leader al voto tra Roma e Milano, solo Meloni andrà stasera. Mattarella torna nella sua Palermo

I leader al voto tra Roma e Milano, solo Meloni andrà stasera. Mattarella torna nella sua Palermo
I leader al voto tra Roma e Milano, solo Meloni andrà stasera. Mattarella torna nella sua Palermo
Domenica 25 Settembre 2022, 16:35 - Ultimo agg. 26 Settembre, 15:07
6 Minuti di Lettura

Urne aperte per cinquantuno milioni di italiani. Tra loro anche i leader che giunti al termine della campagna elettorali sono chiamati - come tutti - a esprimere il proprio voto. Trasferta a Palermo - dove ha la residenza - per il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella condito da un piccolo fuori programma. All'uscita dal seggio della scuola Piazzi di Palermo, dove ha votato alle 8.45, il Capo dello Stato si è fermato per pochi minuti, da solo, davanti alla lapide dedicata al giudice Cesare Terranova che si trova proprio davanti alla scuola. La commemorazione del magistrato ucciso il 25 settembre 1979 è prevista per le 9.30.

Draghi a Roma dopo una pausa a Città della Pieve

l presidente del Consiglio Mario Draghi ha votato a Roma. Era insieme alla moglie Serenella che ha atteso fuori dal seggio dopo aver votato. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi intorno alle 14.30 ha lasciato il casolare di campagna, a Città della Pieve, in Umbria, per dirigersi verso la residenza romana. Il premier è, infatti, residente nella capitale. Ma prima ha voluto trascorrere qualche ora nell'ormai abituale dimora umbra, dove sarebbe arrivato già dalla giornata di venerdì. Anche se questa volta nessuno lo avrebbe visto aggirarsi nelle vie del centro storico. Draghi è un assiduo frequentatore del borgo umbro da oltre 15 anni ed è proprio la Pieve il suo «buen retiro» preferito. In questa cittadina di confine con la vicina Toscana che tutti lo attendono una volta che avrà passato le consegne a Palazzo Chigi. 

 

Salvini a Milano, poi in agriturismo con la figlia

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha votato a Milano nel seggio di via Pietro Martinetti. Andando via ha detto ai cronisti che trascorrerà la giornata di votazioni con la figlia in agriturismo. «Più gente vota, più forza avranno il nuovo parlamento e il nuovo governo per intervenire sulle emergenze che non mancheranno». Ha detto Salvini, dopo aver votato. «Posso solo ringraziare tutti gli italiani che voteranno - ha aggiunto - perché oggi sarà una bella giornata di partecipazione» e «più gente vota, più l'Italia sarà forte e la politica sarà legittimata - ha ribadito- quindi grazie a prescindere da chi voteranno, a tutti coloro che lo faranno. Da domani non vedo l'ora di tornare a governare questo straordinario Paese con squadra coesa, compatta, coerente e di centrodestra. Saranno mesi complicati, l'emergenza di luce, bollette, caro vita e riscaldamento è la prima: noi siamo già al lavoro da settimane con i tecnici della Lega per essere pronti e reattivi in Italia e in Ue». E ha spiegato: «Da domani basta chiacchiere e dagli impegni si passa ai fatti, noi abbiamo le idee chiare. Quando gli italiani votano il voto è sacro».

Berlusconi a Milano con la compagna Marta Fascina

Sempre a Milano, al seggio della scuola di via Fratelli Ruffini, ha votato anche l'ex premier e presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi. Ad attendere Berlusconi, tra gli altri, anche un gruppo di parlamentari del partito, tra cui la senatrice e coordinatrice lombarda Licia Ronzulli, il deputato Alessandro Cattaneo, la coordinatrice cittadina di Forza Italia, Cristina Rossello. Insieme a Berlusconi anche la compagna Marta Fascina. L'ex premier ha votato in un seggio che alle 12:30 era molto affollato e quindi si è messo in coda con gli altri elettori per entrare nell'aula dove è stato predisposto il voto. «Tutti in fila per andare a votare, che bravi. È la prima volta che vedo una fila ad andare a votare - ha commentato Berlusconi in fila con gli altri elettori -. È raro vederla, io gli altri anni non l'ho mai vista». Piccola nota di colore: Berlusconi si è presentato con una cravatta a pois abbinata al vestito della compagna Marta Fascina che è entrata al seggio al suo fianco. 

Meloni: voto last minute a Roma

«Vista la presenza massiccia di operatori dell'informazione registrata questa mattina, il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, voterà in serata a ridosso della chiusura delle urne per consentire ai cittadini iscritti al suo stesso seggio elettorale di poter esercitare il diritto di voto in tranquillità e senza subire disagi, assembramenti e rallentamenti». Lo rende noto l'ufficio stampa di Fratelli d'Italia. Giorgia Meloni voterà al seggio della Scuola Vittorio Bachelet, a Roma. 

Letta, voto a Roma e pollice alzato su Twitter

Il segretario del Pd Enrico Letta ha votato stamane al suo seggio, presso l'istituto De Amicis/Cattaneo di via Galvani, nel quartiere Testaccio a Roma «Buon voto!». Così su Twitter Enrico Letta che posta anche una foto del momento in cui inserisce la scheda nell'urna elettorale presso il seggio dove ha votato a Roma. Uscendo dal seggio a Testaccio, Enrico Letta ha scelto un gesto di incoraggiamento e approvazione mostrando il pollice alzato e poi si è fermato a salutare e a scattare qualche foto con alcuni cittadini che lo hanno anche applaudito. «Grazie, buona domenica», ha replicato.

Calenda a Roma, poi con moglie e figli

«Come passerò la giornata? Come volete che la passi, angosciato. Scherzo, passerò la giornata con mia moglie Violante e i figli»: così il leader di Azione, Carlo Calenda, uscendo dal seggio a Roma, dopo aver votato. «Andate a votare liberalmente e consapevolmente e come diceva Pericle 'un cittadino che non si occupa dello Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile», prosegue.

Conte a Roma: «Oggi mi dedicherò agli affetti»

Giuseppe Conte ha votato a Roma, al seggio allestito nel Liceo Virgilio a via Giulia. «Buon voto a tutti!», così il leader di M5s sui suoi social postando una sua foto al seggio con la tessera elettorale in mano. «Mi dicono una buona affluenza, è cosi?» ha domandato agli scrutatori. A chi gli chiede di un possibile sorpasso nei confronti del Pd non risponde: «Non mi faccia parlare, c'è silenzio elettorale. Oggi mi dedicherò agli affetti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA