Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

ENRICO LETTA

Elezioni, Pd: alleanza tecnica per la coalizione di centrosinistra già divisa su reddito e rigassificatori

Sabato 30 Luglio 2022 di Andrea Bulleri
Elezioni, Pd: alleanza tecnica per la coalizione di centrosinistra già divisa su reddito e rigassificatori

Elezioni politiche 2022 A misurare la distanza che corre tra le varie posizioni, qualcuno già rievoca i tempi dell'Unione di Romano Prodi. Perché proprio come nel 2006, quando il collante che teneva insieme il centrosinistra alle urne era soprattutto l'opposizione a Silvio Berlusconi, c'è chi fa notare che sedici anni dopo la situazione non è poi tanto diversa, per il fronte progressista che Enrico Letta sta faticosamente cercando di costruire. Da una parte rigassificatori, termovalorizzatore e lotta senza quartiere ai «sussidi a pioggia». Dall'altra, reddito di cittadinanza, patrimoniale e «no alle trivelle». In mezzo, il Pd. Che per risultare competitivo deve provare a tenere insieme entrambe le ali dello schieramento. Carlo Calenda e Matteo Renzi da un lato, Luigi Di Maio, Roberto Speranza e Nicola Fratoianni dall'altro. «Un po' come mettere d'accordo Mastella e Bertinotti sorride un dem testimone di quell'epoca. Solo che allora ci vollero settimane di lavoro per stilare un programma che venne fuori di 260 pagine. Oggi, dubito che ce ne sarà il tempo...». 

Non è un caso se per uscire dall'impasse già si ragiona di «alleanza tecnica». Basata più sulla conquista di quanti più collegi che non sui programmi. «E poi, in Parlamento, ognun per sé». Prima però c'è da affrontare la campagna elettorale. Dove i nodi inevitabilmente rischiano di venire al pettine. A cominciare dai punti su cui gli anti-meloniani già discutono. Uno su tutti: il reddito di cittadinanza. Bandiera dei Cinquestelle dai tempi del governo giallo-verde, il sussidio è finito per piacere (e parecchio) anche a una buona parte del Pd. Una «norma di civiltà», per il vicesegretario Beppe Provenzano, che trova d'accordo pure Leu (che proprio ieri ha ufficializzato l'apparentamento con i socialisti e la lista Demos) e Sinistra italiana. E se tra i dem l'opinione più diffusa è che «un sostegno alle fasce deboli serve, ma il Reddito così com'è va riformato», chi di quei 780 euro al mese per chi non trova lavoro non vuol più sentire parlare è Matteo Renzi. Che, non è un mistero, ha pure raccolto le firme per abolirlo. Anche per Calenda il Reddito è «una iattura»: «Va rivisto», ripete il leader di Azione. Secondo cui il beneficio che dovrebbe essere affiancato a progetti di utilità sociale dev'essere negato a chi rifiuta la prima offerta di lavoro disponibile, anche da privati. 

Video

L'ex ministro dello Sviluppo punta poi sul tema rigassificatori come un nodo centralle dell'eventuale asse col Pd. «Ne servono almeno due, è una questione di sicurezza nazionale», afferma Calenda. Da realizzare, se necessario, «militarizzando» le aree in cui dovranno sorgere. Difficile pensare che su questo si possa trovare un'intesa con Fratoianni, che fin dal primo momento si è battuto contro la costruzione del nuovo impianto di rigassificazione nel porto di Piombino: «Chi protesta ha ragione», ha sentenziato. In tema energetico per Sinistra italiana, la soluzione sono le rinnovabili: «Vanno portate all'80% entro il 2030», si legge nel programma dei rosso-verdi (che Calenda non ha mancato di bollare come «frattaglie» del centrosinistra). Il leader di Azione non nega il ruolo di fotovoltaico ed eolico, anzi. «Ma finché non riusciranno a soppiantare i combustibili fossili, va riconsiderato l'uso delle centrali nucleari», la linea. Una bestemmia, per i Verdi: «Lo dice solo perché vuol farci fuori», attacca Angelo Bonelli. Che invece è un convinto sostenitore del mantra «acqua pubblica». Mentre per Calenda si tratta solo di uno slogan che «ha portato l'Italia ad avere la peggiore rete idrica europea». 

E poi ancora: il Jobs Act, difeso da Renzi che lo ha promosso ma inviso a sinistra, che vorrebbe cancellarlo. Le norme sulla concorrenza, parte integrante della cosiddetta agenda Draghi, rivendicate da centristi e Pd ma criticate aspramente da SI. Infine, un evergreen: la patrimoniale, o contributo di solidarietà. Fratoianni vorrebbe introdurlo per chi possiede più di 5 milioni di euro, e l'idea non dispiace né a Speranza né alla sinistra dem. Ma il solo sentirne parlare fa venire l'orticaria a Italia Viva: «Dovrebbero farla sul nostro cadavere», mise a verbale non troppo tempo fa Renzi. E Calenda? L'ex ministro si era detto favorevole ad aumentare la tassazione sui redditi più alti. Ma nel programma di Azione di patrimoniale non c'è traccia. Meglio, semmai, una web-tax

Ultimo aggiornamento: 15:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA