Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

GIUSEPPE CONTE

Elezioni, i big scendono in campo a Napoli: al Senato è sfida tra Renzi e Berlusconi. Derby Conte-Di Maio alla Camera, Carfagna capolista

Giovedì 11 Agosto 2022 di Valentino Di Giacomo
Elezioni, i big scendono in campo a Napoli: al Senato è sfida tra Renzi e Berlusconi. Derby Conte-Di Maio alla Camera, Carfagna capolista

Berlusconi, Carfagna, Conte, Di Maio, Renzi e chissà se anche altri leader si aggiungeranno alla lunga lista di big che punteranno su Napoli e la Campania per trovare un seggio sicuro. Nella caccia ai seggi blindati non ci sono solo parlamentari uscenti, giovani e rampanti politici o consiglieri comunali e regionali, ma nel delinearsi delle strategie dei vari partiti è sempre più probabile che alle pendici del Vesuvio potranno sfidarsi nuovi e vecchi leader della politica nazionale.


Dopo aver ufficializzato di aver scelto di candidarsi per il Senato, Silvio Berlusconi potrebbe presto confermare a breve che uno dei collegi nei quali si candiderà sarà proprio quello di Napoli. Non potrebbe essere altrimenti dal momento che il Cavaliere si è sempre definito «un napoletano nato a Milano». Con il leader di Fi non è escluso possa far ritorno in città anche la sua compagna di vita, Marta Fascina, originaria di Portici e già blindata alle scorse elezioni con un seggio campano per la Camera. Ma a rendere avvincente la discesa di Berlusconi a Napoli non è il tandem con la proprio compagna, quanto la possibile sfida diretta con un altro ex presidente del consiglio, Matteo Renzi. Il leader di Italia Viva, che appena ieri ha siglato il suo accordo con Carlo Calenda, sarebbe intenzionato a scegliere anche lui Napoli per ritornare in Senato. Area di derby tra due avversari politici che in fondo hanno sempre avuto parole di stima uno nei confronti dell’altro, ma stavolta potrebbero sfidarsi a duello all’ombra del Vesuvio. Quello di Napoli sarà, ovviamente, uno dei cinque collegi in tutta Italia che i due leader sceglieranno.

LEGGI ANCHE Centrodestra, il programma elettorale di Meloni, Salvini e Berlusconi: dalla flat tax al Ponte sullo Stretto. Il testo

Vero e proprio derby potrebbe esserci, ma alla Camera, tra Giuseppe Conte e Luigi Di Maio: la coppia ormai scoppiata. Anche Conte ha già annunciato la volontà di volersi presentare in più collegi, stavolta della Camera, uno di questi potrebbe essere proprio un collegio campano. Nulla è deciso, ma a qualcuno dei suoi fedelissimi l’ex premier avrebbe già confidato di volersi «togliere lo sfizio» di sfidare l’ex capo politico M5s e di volerlo fare sul territorio di origine del ministro degli Esteri. Al momento, però, la sorte di Luigi Di Maio non è ancora definita: dovrebbe avere dalla coalizione di centrosinistra il collegio per la Camera che insiste sulla sua Pomigliano, ma per ora nulla è stato deciso e gli incastri non sono stati ancora completati. Da leader di fatto dovrebbe poi correre in Campania Mara Carfagna, ma per la ministra del Sud non dovrebbero tenersi derby. Una sfida possibile poteva essere quella con la leader di Fdi, Giorgia Meloni, ma l’ex ministra non dovrebbe correre in Campania e sceglierà probabilmente altri collegi del resto d’Italia.

LEGGI ANCHE Calenda-Renzi, quanto vale il Terzo polo nei sondaggi? Il nuovo accordo preoccupa le due principali coalizioni

Intanto tiene sempre banco il confronto-scontro tra il sindaco di Benevento, Clemente Mastella e Forza Italia. Mastella è furioso con il partito berlusconiano che avrebbe fatto trapelare sui giornali la possibile intesa. Dal canto proprio i forzisti, prima di accogliere l’ex guardasigilli - garantendo così un seggio alla moglie di Mastella, Sandra Lonardo - vorrebbero che l’ex guardasigilli mollasse la Giunta De Luca ritirando il proprio assessore Felice Casucci. Schermaglie chissà se ricomponibili, oggi infatti Mastella depositerà il proprio simbolo per correre da solo mettendo nei guai nel proprio collegio tanto il centrosinistra quanto il centrodestra che dovranno fare i conti con lui.
 

Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 21:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA