Figlio Salvini sulla moto d'acqua: scatta l'inchiesta dei pm di Ravenna

Figlio Salvini sulla moto d'acqua: la Procura di Ravenna apre un fascicolo
ARTICOLI CORRELATI
15
  • 661
In Procura a Ravenna è stato aperto un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, sull' episodio del 30 luglio a Milano Marittima, quando il figlio 16enne del ministro dell'Interno Matteo Salvini fece un breve giro in mare su una moto d'acqua della Polizia di Stato, guidata da un agente in servizio. Lo si deduce dalla richiesta pervenuta nei giorni scorsi al Viminale su delega della magistratura, in merito all'identificazione dei due appartenenti alle forze dell'ordine che cercarono di impedire a un giornalista di Repubblica di filmare la scena.

​Ministro Costa: «Moto d'acqua? È reato». Salvini: «La pazienza finisce»




«Errore mio da papà, nessuna responsabilità va data ai poliziotti, che anzi ringrazio perché ogni giorno rischiano la vita per il nostro Paese», disse il vicepremier quando la vicenda deflagrò e si scatenarono polemiche da più fronti. Il ministro, in quei giorni, era al Papeete Beach per una vacanza con il figlio, appena prima della festa della Lega programmata sempre sul litorale ravennate, diventato uno dei luoghi simbolo della politica estiva, prima che scoppiasse la crisi di Governo. Oltre che per la cavalcata in mare del figlio, Salvini diventò un bersaglio anche per come era stato trattato il giornalista autore del video, Valerio Lo Muzio, nei confronti del quale erano arrivate molte manifestazioni di solidarietà.

Lo stesso videomaker è stato sentito nell'ambito delle verifiche su quanto successo, scattate da parte della Questura di Ravenna per accertare un eventuale uso improprio del mezzo. «In questa vicenda c'è solo una cosa che mi interessa e che sto approfondendo: se c'è stata una limitazione al diritto di informazione e cronaca», aveva commentato qualche giorno dopo il capo della Polizia, Franco Gabrielli, parlando di una questione «un pò amplificata: vi potrei portare - aveva detto - decine di immagini di nostri mezzi che vengono utilizzati anche da ragazzini». Gli accertamenti, coordinati dalla Procura di Ravenna guidata dal procuratore Alessandro Mancini, stanno andando avanti. Sui reati ipotizzati nel fascicolo, ad ora senza indagati, c'è riserbo, ma potrebbero essere due: tentata violenza privata e peculato d'uso. Difficile ipotizzare la piega che prenderà l'inchiesta, di cui si è appresa l'esistenza proprio nel giorno in cui il vicepremier era impegnato nelle consultazioni al Quirinale.
Giovedì 22 Agosto 2019, 16:58 - Ultimo aggiornamento: 23 Agosto, 12:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-08-23 18:19:05
state sereni alla fine il colpevole sara il poliziotto.
2019-08-23 17:56:41
Ma perché non pensano a cose serie invece di rincorrere il desiderio di un
2019-08-23 11:17:30
Eh.......certo i buonisti comunisti adesso diranno che è una cosa gravissima; ma fateci il piacere parliamo di cose serie, non mi pare si tratti di un rato. I PM aprissero le inchieste sugliscafisti e su chi si arricchisce sul traffico delle immigrazioni clandestine; italaini e non
2019-08-23 10:59:28
Certo che trovare persone e procure che si cimentano e tolgono tempo alle cose davvero importante per la nazione che ne ha tanto bisogno in questo momento delicato per l'Italia intera. Processi che durano anni fino alla prescrizione , ma si trova tempo per delle stronzate solo per mettere in cattiva luce il soggetto di turno, certamente non sinistroidi mi pare molto evidente, noto anche a quelli più sprovvisti.
2019-08-23 10:03:48
Ecco di cosa si occupa la sinistra italiana, tutti i problemi del paese risiedono nel giro sull'acquascooter del figlio di Salvini.Gesto certo inappropriato e da condannare,ma mi sembra davvero qualcosa che si doveva chiudere nel momento che lo stesso salvini se ne è presa la responsabilità. Pensate piuttosto al sistema Bibbiano....

QUICKMAP