Fondi Lega, la Procura alza il tiro: ora si indaga per riciclaggio

Venerdì 18 Settembre 2020 di Claudia Guasco
Fondi Lega, la Procura alza il tiro: ora si indaga per riciclaggio

Riciclaggio. Sale di livello l’inchiesta della Procura di Milano sull’operazione immobiliare da 800 mila euro di Film commission che, secondo i magistrati, sarebbe un regalo della Regione Lombardia ai commercialisti della Lega. Se fino a questo momento l’ipotesi di reato contestata ai nove indagati era turbativa d’asta e peculato, ora lo scenario si allarga. A essere accusato di riciclaggio è Roberto Tradati, presidente e amministratore delegato di Fidirev, attraverso la quale sarebbero transitata parte dei soldi incassati dalla vendita del capannone.

LEGGI ANCHE Inchiesta Film Commission: così la Lombardia ha aiutato il Carroccio

Dalle carte emerge come Tradati abbia operato su decine di conti aperti in diversi istituti di credito e gli investigatori si sono concentrati in particolare su alcune transazioni: 250 mila euro di bonifici ricevuti dal presunto prestanome Luca Sostegni, 140 mila euro dall’immobiliare Andromeda gestita da Michele Scillieri, 1,6 milioni versati sul conto della Futuro partecipazioni amministrata da Scillieri a fronte dei quali «sono state riscontrate speculari ed equivalenti operazioni di accredito di somme provenienti da un conto acceso presso la Banca Credinvest Sa di Lugano». Altri conti, registrano gli investigatori, sono stati aperti da Fidirev in Lussemburgo e a San Marino.

LEGGI ANCHE Fondi Lega, dalla Regione Lombardia «contributi straordinari»

Tradati, interrogato lo scorso 16 luglio, ha parlato della società panamense Gleason. «Scillieri è venuto da me per comunicarmi che aveva intenzione di riportare anche fisicamente i soldi in Italia e di chiudere il mandato fiduciario». Tradati gli spiegò che era «necessario risolvere in Svizzera la situazione della Gleason», amministrata da «Dreieck, una fiduciaria svizzera che gestisce anche società panamensi». Perfezionarono così un’operazione grazie alla quale alla fine «Dreieck gestiva Gleason per conto di Sostegni e non più per conto di Scillieri». Su Gleason “gravava” un debito di 400 mila euro. In questo modo i pm riassumono l’operazione: «Sostegni compra per un euro una società di sede panamense che scherma un conto svizzero, gestito da una fiduciaria svizzera, gravato da un debito e ripiana questo debito con la provvista proveniente da Andromeda». Tra l’altro, si legge nell’informativa della gdf del 14 maggio, «nel periodo di interesse investigativo (2017-2018) Fidirev Società Fiduciaria è risultata indirettamente partecipata dalla Fidinam group holding Sa (Svizzera), il cui fondatore e presidente onorario è il finanziere miliardario svizzero Tito Tettamanti, in buoni rapporti con Steve Bannon, l’ex stratega della campagna elettorale di Donald Trump che ha ospitato nella sua villa.

Gli investigatori intanto hanno completato la perquisizione nell’ufficio di Francesco Barachetti, imprenditore ed ex consigliere comunale leghista indagato per peculato: con la moglie russa Tatiana Andreeva, non indagata, sarebbe il collegamento tra l’inchiesta Film commission e quella sui fondi russi del Carroccio. Tatiana Andreeva è titolare della società OOO Sozidaner Oblast di San Pietroburgo e avrebbe utilizzato una parte dei soldi provenienti dal partito per l’acquisto di un appartamento. Da un’informativa della finanza si evince che parte degli 800 mila euro della presunta vendita gonfiata del capannone a Cormano, ossia 390 mila euro, sono passati per la Barachetti service srl, società che poi ha impiegato 45 mila euro di quella somma per acquistare «rubli russi», serviti per un’operazione immobiliare a San Pietroburgo. La provvista è stata trasferita alla Sozidanie OOO, con la causale «pagamento per acquisto proprietà». In una intercettazione del 18 novembre 2019 Tatiana Andreeva, parlando con un agente finanziario, si legge nelle carte, fa «intendere l’esistenza di operazioni con la Lega con altri intermediari bancari». E l’interlocutore, «parlando della Banca BCC presso cui la Bmg srl ha già in essere un conto corrente dal maggio 2019», le ricorda «la raccomandazione» ricevuta dalla banca di «evitare di far transitare sul conto movimentazioni finanziarie in entrata provenienti “dalla Lega”». E insiste: «Ti ricordi? Lui aveva detto “assolutamente niente dalla Lega”. Ti ricordi?».

Ultimo aggiornamento: 14:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA