Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Forze dell'ordine e sanità, concorsi per 10mila posti»

Venerdì 14 Ottobre 2016 di Andrea Bassi
«Forze dell'ordine e sanità, concorsi per 10mila posti»
Roma. Il modello è quello già utilizzato per il piano straordinario triennale di assunzione delle maestre d'asilo, che nel solo Comune di Roma ha portato in cattedra oltre 1.100 nuove insegnanti. Il governo, nella legge di Bilancio, si prepara ad un nuovo parziale sblocco del turn over nella pubblica amministrazione. Ad annunciarlo è stato ieri a Bari Renzi che ha parlato di concorsi per assumere 10 mila persone ma anche di superare la logica «checcozaloniana» dell'impiegato pubblico. Non si tratterà comunque di uno sblocco generalizzato del turn over, bensì di assunzioni mirate che riguarderanno alcune categorie specifiche. Le Forze dell'ordine, innanzitutto. E poi gli infermieri e forse anche i medici. Si tratta di un primo assaggio di quello che accadrà a partire dal prossimo anno, quando sarà varato il nuovo testo unico sul pubblico impiego. Nella riforma firmata dal ministro della Funzione pubblica Marianna Madia, si passerà dai piani di assunzioni basati sulle «piante organiche», a quelli basati sui «fabbisogni» delle amministrazioni. Qual è la differenza? Con il criterio delle piante organiche se in un ospedale va via un funzionario amministrativo, va fatto un bando per sostituire quest'ultimo. Magari però, servirebbe un medico in più, invece che un addetto alle buste paga.

Con i fabbisogni il modello cambia. Si potrà non tener conto di «dove» sono i posti scoperti, ma di quali professionalità c'è più bisogno. La norma annunciata da Renzi che sarà inserita nella legge di bilancio andrà proprio in questa direzione. Dunque l'attuale tetto alle assunzioni dovrebbe rimanere in vigore. Oggi i ministeri e gli enti pubblici possono assumere personale nel limite del 25% della spesa sostenuta l'anno precedente rispetto al personale che intanto è cessato dal servizio. Un limite, ha detto Renzi, che nei ministeri è più che sufficiente. L'ingresso dei fabbisogni non è l'unica novità dei concorsi pubblici che sarà contenuta nel nuovo Testo unico. Le procedure saranno accentrate presso il ministero della Funzione pubblica e sarà eliminato il requisito minimo del voto di laurea. In campo, invece, entreranno altre valutazioni, come la conoscenza delle lingue straniere, i master o i dottorati di ricerca. Ribadito anche l'addio a Equitalia, il testo è pronto. L'ok domani. Tornando alla legge di Bilancio, lo sblocco delle assunzioni non sarà l'unica novità nel testo che il consiglio dei ministri approverà sabato. L'attesa è alta anche per i fondi che il governo stanzierà per il rinnovo del contratto degli statali, bloccato ormai da ben sette anni.

I fondi messi a disposizione dal Tesoro, dovrebbero aggirarsi attorno ai 600 milioni che aggiunti ai 300 milioni già stanziati lo scorso anno, ma non spesi, porterebbero la dote del rinnovo a 900 milioni. In queste ultime ore ha iniziato a girare anche l'ipotesi che le risorse per il contratto vengano spalmate su quattro anni, fino al 2019. Tra i nodi non ancora sciolti, il superamento delle norme della legge Brunetta che obbligano a concentrare sui premi la maggior parte del salario accessorio e ad assegnare quest'ultimo con criteri meritocratici molto rigidi. La Brunetta prevede che il 50% dei fondi per i premi venga assegnato al 25% degli statali più meritevoli, mentre per il 25% dei dipendenti con le valutazioni più basse, non ci sarebbe nessun incentivo monetario. I sindacati stanno chiedendo di non preordinare con una percentuale fissa, una platea di persone che sarebbero escluse dal premio. Dall'altro lato punterebbero ad allargare, fino al 35-40% la quota dei più meritevoli ai quali andrebbe il 50% dell'ammontare dei premi. Risolvere questo rebus è una delle precondizioni per sedersi al tavolo. Entro la fine del mese, comunque, il ministro Madia dovrebbe convocare le sigle per un incontro prima di inviare la sua direttiva sul contratto all'Aran.
Ultimo aggiornamento: 08:27