Genova, il ministero: «Verifica strutturale è compito del concessionario»

Venerdì 17 Agosto 2018

Qualsiasi verifica strutturale sulle opere in concessione» è compito «del concessionario». Lo afferma il ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture in una nota in cui precisa che «i controlli del concedente sono prioritariamente rivolti all'ottemperanza degli obblighi convenzionali».

LEGGI ANCHE: Autostrade, tensione nel governo. Di Maio: «Passeranno sul mio cadavere». Salvini: «Ne parleremo dopo»

«Il controllo che deve svolgere questa Amministrazione afferisce un ambito dal quale risulta completamente esclusa qualsiasi verifica strutturale sulle opere in concessione, che è invece compito del concessionario. I controlli del concedente sono prioritariamente rivolti all'ottemperanza degli obblighi convenzionali», puntualizza il ministero di Infrastrutture e Trasporti. «L'organizzazione, le risorse ed i mezzi della Direzione Generale per la Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali sono rapportati alle specifiche competenze dell'Amministrazione che non includono e non si sovrappongono alle attività di verifica spettanti al concessionario. Con l'istituto della concessione - prosegue il Mit - lo Stato demanda ad un soggetto terzo, concessionario, le competenze legate alla gestione e manutenzione dell'infrastruttura che vengono esercitate sulla base di una specifica organizzazione e con disponibilità di uomini e mezzi. Tale schema operativo prevede il trasferimento al concessionario di ogni onere connesso alla verifica dello stato dell'infrastruttura, come peraltro acclarato dall'articolo 14 del Codice della Strada».
 

Ultimo aggiornamento: 14:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA