BEPPE GRILLO

Conte, da Azzolina e Appendino fino a Bonafede e Crimi: ecco la squadra del leader M5S

Sabato 7 Agosto 2021 di Diodato Pirone
Conte, da Azzolina e Appendino fino a Bonafede e Crimi: ecco la squadra del leader M5S

Giuseppe Conte, neoleader del M5S, presenterà a breve la sua squadra. I cosiddetti "contiani" rappresentano da tempo il corpaccione del partito essendosi formati nei due anni di leadeship governativa. Il nuovo statuto prevede una struttura del tutto simile a quella di un partito con la nascita di un Consiglio Nazionale, ovvero un parlamentino interno del tutto simile a quello della Democrazia Cristiana o al Comitato Centrale del Pci. Probabilmente il suo presidente sarà uno dei fedelissimi di Conte come l'ingegnere triestino Stefano patuaanelli, attualmente ministro dell'Agricoltura.

M5S, Conte eletto presidente con il 92% dei voti: «Ce la metterò tutta per non deludervi»

Conte, ecco la squadra del neo-leader M5s

Stando alla prime indiscrezioni nella segreteria politica e come proprie "vice", Conte dovrebbe nominare un poker di donne formato da Paola Taverna, Chiara Appendino, Lucia Azzolina e forse l'attuale sindaca di Roma Virginia Raggi. 

Lo Statuto prevede poi la nascita di una serie di Comitati specifici. Fra i papabili la senatrice Barbara Floridia ma anche l'ex segretario Stefano Buffagni e Roberta Lombardi. Questi ultimi potrebbero contendersi la leadership per il Comitato per i rapporti territoriali giudicato particolarmente importante perché Conte vorrebbe tentare di colmare uno dei punti debooli del Movimento e cioè lo scarso peso nelle elezioni locali.

Video

Non ancora definiti i ruoli di personaggi che hanno avuto un ruolo chiave nelle scorse settimane durante la fase di rottura e poi di ricucitura con Beppe Grillo. Si tratta di Vito Crimi, Alfonso Bonafede, ex ministro della Giustizia, il sardo Ettore Licheri, attuale capogruppo al Senato. A tutti e tre comunque Conte intende affifare incarichi di peso.

Nella squadra del nuovo M5S vanno naturalmente annoverati anche Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, e Roberto Fico, presidente della Camera, figure destinate a svolgere un ruolo di garanzia verso tutte le altre anime del partito che, per quanto indebolite, non mancheranno di far sentire la propria voce.

Ultimo aggiornamento: 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA