Governo Conte, Monti: «Voterò la fiducia, ma attendo i fatti»

ROMA «Darò la fiducia ma è indispensabile constatare nei fatti che ci sia stato davvero un mutamento di indirizzo». Lo ha detto il senatore a vita Mario Monti in aula al Senato annunciando il sì alla fiducia al Conte 2. «Voterò la fiducia e valuterò di volta in volta i singoli provvedimenti». «Sul piano della coerenza, -ha argomentato Monti rivolgendosi al premier Giuseppe Conte- io dichiaro di trovarmi oggi in imbarazzo nell'esprimermi sul suo nuovo governo. Devo essere coerente con me stesso o osservare la coerenza altrui? Se fossi coerente con me stesso voterei a favore. Su Europa e economia sono stupefatto e soddisfatto. Se invece dovessi esprimermi sulla coerenza osservata non potrei che votare contro: questa maggioranza e questo governo sono il risultato di un tasso di trasformismo senza precedenti da parte dei uno dei due partiti della maggioranza. Sebbene dovrei salutarlo perchè il programma è molto più vicino a quello che io trovo utile per l'Italia». Quindi, chiede Monti a Conte e ai 5 Stelle: «Il punto è quello della credibilità per orientare il mio voto. C'è in lei e c'è nel Movimento 5 Stelle un ripensamento sufficientemente profondo e sincero? Ho deciso di pretendere maggiore coerenza da me stesso che da altri e quindi mettere alla prova, con una posizione aperta e di sostegno alla fiducia ma sottolineo molto che è indispensabile constatare nei fatti che ci sia stato davvero mutamento di indirizzo».
Martedì 10 Settembre 2019, 15:16 - Ultimo aggiornamento: 10-09-2019 15:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP