Il governo nomina i sottosegretari.
Via libera al decreto milleproroghe

ARTICOLI CORRELATI
1
  • 7
Via libera del Consiglio dei ministri alla nomina dei sottosegretari e al decreto milleproroghe, il consueto provvedimento di fine anno. Nel provvedimento ci sono la «proroga per cococo, tempi determinati PA e tutte le graduatorie dei concorsi», ha scritto su Twitter il ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia.

Sostanzialmente confermati i sottosegretari del governo Renzi. Vito De Filippo, ex presidente della Regione Basilicata ed ex sottosegretario alla Salute nell'esecutivo precedente è stato nominato sottosegretario all'Istruzione. Angela D'Onghia e Gabriele Toccafondi sono stati invece confermati al dicastero guidato da Valeria Fedeli. 

Questo l'elenco completo:

Presidenza del Consiglio
Maria Teresa Amici, Gianclaudio Bressa, Sandro Gozi, Luciano Pizzetti, Angelo Rughetti

Affari esteri e cooperazione internazionale
Vincenzo Amendola, Benedetto Della Vedova, Mario Giro

Interno
Gianpiero Bocci, Filippo Bubbico, Domenico Manzione

Giustizia
Federica Chiavaroli, Cosimo Maria Ferri, Gennaro Migliore

Difesa
Gioacchino Alfano, Domenico Rossi

Economia e finanze
Pier Paolo Baretta, Luigi Casero, Paola De Micheli, Enrico Morando

Sviluppo economico
Teresa Bellanova, Antonio Gentile, Antonello Giacomelli, Ivan Scalfarotto

Politiche agricole, alimentari e forestali
Giuseppe Castiglione, Andrea Olivero

Ambiente e tutela del territorio e del mare
Barbara Degani, Silvia Velo

Infrastrutture e trasporti
Umberto Del Basso De Caro, Riccardo Nencini, Simona Vicari

Lavoro e politiche sociali
Franca Biondelli, Luigi Bobba, Massimo Cassano

Istruzione, università e ricerca
Vito De Filippo, Angela D’Onghia, Gabriele Toccafondi

Beni e attività culturali e turismo
Dorina Bianchi, Ilaria Borletti Buitoni, Antimo Cesaro

Salute
Davide Faraone

 
Giovedì 29 Dicembre 2016, 12:41 - Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 09:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-12-29 18:56:49
Beh, cosa c'era da aspettarsi dall'Avatar di Renzi?

QUICKMAP