Governo giallo-verde, Berlusconi pronto al no

di Barbara Acquaviti

Non tira aria di incontri, né di riconciliazioni. Anzi, con chi lo ha sentito al telefono, Silvio Berlusconi non ha usato mezzi termini: «Matteo ha perso la testa». Il leader azzurro non riesce a farsene una ragione, considera il contratto di governo di marcato stampo grillino. L'ultimo casus belli, il no alla Tav e l'ipotesi di chiusura dell'Ilva. I big di Forza Italia danno voce allo sconcerto. Anche se la linea è quella di non di attaccare l'alleato. «Quello che più turba - spiega la capogruppo alla Camera, Mariastella Gelmini - è la faciloneria dialettica con la quale Di Maio liquida certi argomenti» dimenticando che «esistono impegni precisi, vincoli contrattuali» e che «rescindere questi accordi significa pagare dei costi».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 20 Maggio 2018, 08:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP