Grandi opere ferme al Sud, sprecati 11 miliardi di euro

di Francesco Pacifico

2
  • 411
Binari che portano verso il nulla. Strade che si perdono nelle campagne. Bacini idrici vuoti che pure sarebbero vitali in un'area dove la siccità la fa sempre più da padrone per molti mesi all'anno. Per capire lo stato delle grandi incompiute nel Mezzogiorno - proprio mentre il governo annuncia di voler rilanciare il comparto infrastrutture - è utile riportare il titolo di un rapporto dell'Ance presentato lo scorso dicembre: «Al Sud le risorse per le opere non si trasformano in cantieri». L'associazione dei costruttori ha calcolato che sotto il Garigliano ci sono 7 maxi cantieri fermi per un valore di 3,1 miliardi di euro. Ma se si aggiungono anche quelli piccoli e medi si sale a 200 infrastrutture, delle quali si sono perse le speranze e che potrebbero generare un giro d'affari da oltre 11 miliardi di euro.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 2 Febbraio 2019, 07:30 - Ultimo aggiornamento: 02-02-2019 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-02-03 08:33:54
Soldi che politici hanno fatto sparire nelle casse di privati e che mancano per finire le opere iniziate.Quando si farà una legge che condanna sia le imprese che non procedono celermente,per far lievitare i costi,sia i politici interessati
2019-02-03 11:56:13
aspettiamo la relazione costi-benefici!!!!!

QUICKMAP