Copasir, eletto presidente
il leghista Raffaele Volpi

Copasir, eletto presidente il leghista Volpi
ARTICOLI CORRELATI
Alla fine, dopo i dubbi e le frenate dell’ultimo minuto, il leghista Raffaele Volpi è stato eletto alla presidenza del Copasir, il Comitato parlamentare sui servizi segreti. Stamane erano riemersi dubbi e preoccupazioni, soprattutto nella maggioranza, sull'indicazione di un nome della Lega su una casella così delicata. Preoccupazioni, veniva spiegato da fonti di maggioranza, legate alla vicenda dei presunti fondi russi alla Lega. La presidenza del Comitato spetta per legge e per consuetudine all'opposizione, ma il lavorio della maggioranza dietro l'indicazione di Volpi - che ieri ha ottenuto il via libera con un'intesa raggiunta nel centrodestra - è stato complesso.



«Ieri c'è stato un accordo nel centrodestra e, con il mio comportamento, ho consentito che questo accordo fosse rispettato». Ha affermato Adolfo Urso, senatore di Fratelli d'Italia, il cui nome era circolato nei giorni scorsi come "papabile" alla presidenza del Copasir .

Raffaele Volpi, ex sottosegretario alla Difesa del governo gialloverde, è il nuovo presidente del Copasir. Nato a Pavia, 59 anni, Volpi, è un leghista di lungo corso. Dopo esperienze sul territorio come consigliere comunale di Capriolo (Brescia), come consigliere di presidenza Multiutilities e nel cda di Acquirente unico, approda alla Camera nel 2008 quando viene eletto deputato tra le fila del Carroccio nella circoscrizione Lombardia 2. Nel 2013 viene eletto al Senato, sempre con la Lega in Lombardia. Il 4 giugno 2014 diventa segretario di presidenza del Senato per la Lega Nord, in sostituzione di Giacomo Stucchi, che si era dimesso per incompatibilità con l'elezione a presidente del Copasir. Il 15 luglio 2014 entra a far parte della delegazione bicamerale Nato. Alle politiche del 2018 viene rieletto alla Camera nel collegio uninominale di Suzzara, sostenuto dalla coalizione di centrodestra in quota Lega.

Il 12 giugno 2018 diventa sottosegretario di Stato alla Difesa nel primo governo M5s-Lega di Giuseppe Conte. Con la formazione del nuovo governo giallorosso, la Lega punta su di lui come candidato alla presidenza del Copasir, casella che spetta di diritto all'opposizione e che è rimasta vacante dopo la nomina di Lorenzo Guerini a ministro della Difesa. Ieri Volpi entra ufficialmente a far parte dell'organismo, al posto del capogruppo leghista alla Camera Riccardo Molinari, un passaggio necessario per poter ambire alla presidenza. È il segnale che la Lega non ha nessuna intenzione di mollare e infatti, dopo un lungo braccio di ferro nella minoranza, ha la meglio sugli altri due candidati, Adolfo Urso (Fdi) ed Elio Vito (Fi) e viene scelto come candidato unitario. Oggi viene eletto con sei voti a favore su dieci: tre le schede bianche e una la preferenza per Elio Vito (Fi).

 
Mercoledì 9 Ottobre 2019, 14:20 - Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre, 00:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP