Tridico, stipendio raddoppiato: è bufera. Il centrodestra: dimissioni subito. Inps: aumento non è retroattivo

Sabato 26 Settembre 2020
Tridico si raddoppia lo stipendio. Inps: aumento non è retroattivo. Conte: chiederò accertamenti. Salvini: si dimetta

Dopo gli attacchi per i ritardi sul pagamento della cig, per il caos delle partite iva e le critiche per la gestione dei cosiddetti «furbetti del bonus», Pasquale Tridico torna nell'occhio del ciclone della polemica politica. Questa volta per un aumento di stipendio che il presidente dell'Inps avrebbe ottenuto - anche con effetto retroattivo - grazie ad un decreto interministeriale, firmato lo scorso 7 agosto dalla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo e dal collega dell'Economia, Roberto Gualtieri. Un aumento che, come riportato da La Repubblica di oggi, vedrebbe più che raddoppiati - dagli attuali 62mila a 150mila euro annui - gli emolumenti del presidente dell'Inps. 

Conte: quota 100 non sarà rinnovata, riforma pensioni e reddito cittadinanza da migliorare
 

Tridico, la maggioranza tace

La notizia - che in serata registra una precisazione della Direzione Risorse Umane dell'Inps sulla non corresponsione a Tridico di compensi arretrati - trova immediatamente terreno fertile tra le opposizioni già duramente schierate contro i vertici dell'Istituto e che apre un vero e proprio fuoco di fila contro Tridico con un unico comune denominatore: dimissioni subito. La maggioranza, sostanzialmente, tace. Il governo, con Conte e Di Maio, risponde con telegrammi: «Non ero informato di questa vicenda: ovviamente ho chiesto accertamenti perché vorrei approfondire la questione. Permettetemi di comprenderla bene poi formulerò una valutazione più compiuta», rinvia dal Festival dell'Economia di Trento il premier. Così come fa lo stesso ministro degli Esteri che promette di «chiedere chiarimenti nelle prossime ore». 

Tridico (Inps): “Devono essere pagate ancora 33 mila domande di cassa integrazione”

Critici, ma non è una novità, i renziani che con Luigi Marattin attaccano i 5 Stelle: «urlavano contro la casta, ma ci prendevano per il culo...». Ma il vero fronte per Tridico, si trova nel campo del centrodestra. Tra i primi ad intervenire la Lega, con il suo leader: «Non ho parole. Tridico paghi la cassa integrazione poi chieda scusa e si dimetta», attacca dai suoi profili social Matteo Salvini. Anche Fdi e Forza Italia si allineano e compatti si schierano contro quella che è, dice la presidente dei senatori di Fi, Anna Maria Bernini, «la nuova frontiera del grillismo al potere: il reddito di arroganza». Al vetriolo l'intervento di Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fdi alla Camera che parlando di «misura colma» e chiedendo le sue dimissioni («e di tutto l'Esecutivo») si chiede: «Abbiamo capito bene? Stipendio aumentato con effetto retroattivo per Tridico? Lo stesso uomo dei Cinquestelle passato alla storia per il caos cig e del bonus partite Iva; tra i responsabili dei mancati controlli sui requisiti per il Reddito di cittadinanza; colui che ad agosto venne alla Camera e invece di riferire puntualmente sullo scandalo del bonus finì col fare un mero comizio elettorale?». «Non bastavano i disastri compiuti durante il lockdown - tuona poi il presidente dei senatori di Fratelli d'Italia, Luca Ciriani - adesso il governo ha deciso che Tridico deve essere addirittura premiato». 

Bonus, Tridico non fa nomi e i partiti non glieli chiedono. Audizione farsa alla Camera
 

 

Tridico, l'ironia di Forza Italia

«Urlavano onestà onestà e poi si aumentano lo stipendio», ironizza invece Maurizio Gasparri di Forza Italia annunciando un'interrogazione parlamentare. Un altro azzurro, Osvaldo Napoli, chiede invece direttamente al premier Conte «un pò di pudore» e di far «annullare il premio dando così un bell'esempio agli italiani». Ma non basta. E si allunga la lista delle critiche. Duri i due capigruppo della Lega, Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari. «Ô inaccettabile che, mentre migliaia di italiani attendono ancora la cig, Tridico si aumenti lo stipendio, pretendendo anche gli arretrati, col benestare dei Cinque Stelle e del ministro Catalfo. Ma con quale coraggio...», scrive il presidente dei senatori leghisti. «Il bonus da 100 mila euro a Tridico lascia basiti», gli fa eco il collega della Camera: «mentre migliaia di italiani aspettano, Pd-5S premiano l'incapacità». 
 
 
  

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA