Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Leone Fell: «Concorsi pubblici
riforma Brunetta incostituzionale»

Venerdì 9 Aprile 2021
Leone Fell: «Concorsi pubblici riforma Brunetta incostituzionale»

«La riforma Brunetta, nonostante i buoni propositi, è di fatto incostituzionale poiché non premierebbe il merito, lasciando fin troppo spazio alla discrezionalità di amministrazioni e enti locali. Il bando di concorso da poco pubblicato, per l’assunzione a tempo determinato di 2.800 laureati e tecnici da inserire nelle pubbliche amministrazioni del Sud è già la conferma delle penalizzazioni della riforma». A sostenerlo i legali dello studio Leone-Fell, prima law firm in Italia specializzata in diritto amministrativo e concorsi pubblici.

«In queste ore - spiegano Francesco Leone, Simona Fell e Ciro Catalano, soci fondatori dello studio - siamo stati inondati di segnalazioni. Tantissimi giovani, danneggiati dalla riforma, hanno chiesto il nostro sostegno in questa battaglia. Si tratta di migliaia di under 40 che speravano in una stagione di concorsi per poter accedere nel mondo del lavoro e che invece, proprio a causa di una procedura illegittima che premia solo chi ha accumulato più titoli, si troveranno tagliati fuori. Se non si interviene subito il rischio è proprio quello di non svecchiare la Pubblica Amministrazione, ma anzi di consentire l’accesso solo a chi, negli anni, ha ottenuto titoli ed esperienze».

In pratica, la valutazione dei titoli - che sostituisce le tre canoniche prove delle vecchie selezioni . rischia di tagliar fuori proprio i neodiplomati e neolaureati con il massimo dei voti, preparati e smart, ma con poca esperienza. La riforma, infatti, permetterà l’assunzione di 500mila nuove leve nei prossimi cinque anni, ma non è detto che verranno assunti i più preparati, ma solo chi ha più titoli. L’eccessiva restrizione della platea di partecipanti non favorirebbe dunque il merito: in tanti, infatti, non riusciranno neanche ad approdare alla selezione vera propria. Eliminare le prove e bloccare l’accesso al concorso va contro il principio del favor partecipationis, volto a garantire proprio una più ampia partecipazione.

«Come per le altre battaglie - continuano i legali - saremo al loro fianco in tutte le sedi. Per tale ragione, abbiamo già chiesto un incontro per la prossima settimana con il Governo, grazie al quale proporremo le nostre ipotesi di modifica e ci faremo portavoce di tutti coloro che, a partire dai social, stanno lanciando il proprio grido d’aiuto. Il nostro intento, in questa fase, è quello di mettere a servizio del Ministero la nostra esperienza per correggere il tiro, prima che si arrivi a una valanga di ricorsi per ogni singola procedura bandita a seguito della riforma. Stiamo inoltre organizzando una serie di webinar con esponenti dell’esecutivo e del Parlamento, per analizzare tutte le criticità della Riforma e permettere ai candidati di rivolgere, senza filtro, tutte le loro domande e di ricevere in diretta le dovute risposte».

«Forti della nostra decennale esperienza in tema di concorsi pubblici - concludono  siamo certi che porteremo avanti questa battaglia a tutela del merito e dei diritti dei nostri giovani, affinché questa riforma diventi davvero meritocratica e permetta il necessario ricambio generazionale della nostra Pubblica Amministrazione, nei fatti e non solo nelle intenzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA