Luigi Di Maio inviato Ue nel Golfo Persico? Il suo nome indicato da panel di esperti indipendenti

Manca ancora la nomina ufficiale che spetta all'alto rappresentante per la politica estera dell'Unione, Joseph Borrel

Luigi di Maio inviato Ue nel Golfo Persico: il suo nome indicato dal panel di esperti indipendenti
Luigi di Maio inviato Ue nel Golfo Persico: il suo nome indicato dal panel di esperti indipendenti
di Fausto Caruso
Giovedì 17 Novembre 2022, 22:09 - Ultimo agg. 19 Novembre, 09:27
2 Minuti di Lettura

Dopo la debacle del suo partito Impegno Civico alle scorse elezioni, Luigi Di Maio era scomparso dalla scena politica italiana e persino dai social network. Si erano rincorse varie speculazioni sul suo futuro, da una carriera nel settore privato alle ospitate in tv. Nei giorni scorsi si era ipotizzato che potesse diventare l'inviato dell'Unione Europea in Cina, con la benedizione di Mario Draghi addirittura. Fuochino. La nomina non è ancora ufficiale, ma il panel di tecnici indipendente che ha ricevuto mandato dall'Ue di selezionare l'inviato speciale europeo nel Golfo Persico, a quanto si apprende, ha indicato l'ex ministro degli Esteri quale miglior candidato della quaterna giunta sui tavoli di Bruxelles. La raccomandazione - non di Draghi, ma comunque autorevole - arriva in seguito a un'attenta valutazione «sulla base delle prestazioni» fornite «dai candidati», dopo una stringente serie di colloqui e interviste.

Non si tratta ancora della nomina ufficiale, che spetta all'alto rappresentante per la politica estera dell'Unione, Joseph Borrel, ma il nome di Luigi Di Maio è quello evidenziato in giallo tra i quattro concorrenti in lizza. A contendere il posto all'ex ministro sono il cipriota Markos Kyprianou, l'ex inviato dell'Onu in Libia Jan Kubis e l'ex ministro degli Esteri greco e commissario Ue Dimitris Avramopoulos, per il quale Atene si sta molto spendendo.

L'ex capo politico dei Cinquestelle, dopo essere rimasto fuori dal Parlamento, potrebbe dunque mettere l'esperienza acquisita negli anni alla Farnesina al servizio di Bruxelles in una zona di mondo molto delicata, in barba agli avversari che scherzavano sul fatto che ora dovesse chiedere il reddito di cittadinanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA