Maria Elena Boschi attacca i dem: «Il Pd nuovo partito delle tasse»

Sabato 19 Ottobre 2019
Boschi: «Il Pd sta diventando il partito delle tasse». Boccia: ​«Una caduta di stile»

Maria Elena Boschi dalla Leopolda di Firenze attacca il suo ex partito, il Pd, sulle indicazioni emerse durante la stesura della manovra: «Il Pd sta diventando il partito delle tasse». Ecco le parole di Maria Elena Boschi, capogruppo alla Camera di Italia Viva: «Le tasse noi le abbiamo sempre abbassate e vogliamo evitare che aumentino. Presenteremo emendamenti per eliminare la sugar tax».

Boschi: «In arrivo altri parlamentari in Italia viva. Renzi più generoso di quanto si immagini»

Boschi: «Renzi non è cattivo, a volte prende decisioni troppo velocemente»
 


Il ministro Boccia: «Una caduta di stile». «Una caduta di stile». Così il ministro Francesco Boccia a Rainews commenta le parole di Maria Elena Boschi sul Pd 'partito delle tasse'. «Consiglierei a Maria Elena Boschi di essere alternativa alla piazza di oggi a Roma, a Salvini, a Casapound piuttosto che iniziare a darci patenti tra di noi. Spero che quella di Boschi sia stata una scivolata».
 

Lunga fila stamani all'esterno della Leopolda per riuscire a partecipare alla giornata clou della kermesse renziana, che sancirà la nascita del nuovo partito Italia Viva. «Un abbraccio a chi diceva quest'anno la Leopolda sarà un flop. E due abbracci a chi invitava a restare a casa #ItaliaViva #Leopolda10», saluta sui social Matteo Renzi. E poi via ai selfie con i big del partito: la più gettonata? Maria Elena Boschi.

 

«Nessun ultimatum, ma il popolo di Italia Viva va ascoltato». «Nessun ultimatum ma nostre proposte, c'è un popolo», quello di Italia Viva, «che va ascoltato». Lo dice Maria Elena Boschi parlando con i giornalisti alla Leopolda. «Abbiamo ribadito che vanno utilizzate le risorse di Quota 100 per il sostegno alle famiglie .»È normale quando si lavora insieme in maggioranza fare delle proposte e chiedere insieme di cambiare parti di provvedimenti. «Penso sia normale trovarsi d'accordo su alcune materie. Per me, ad esempio, è ragionevole rivedere il regime forfettario sulle partite Iva ed eliminare la sugar tax. Credo faccia parte del dibattito in Parlamento. Va bene essere leali e sostenere il governo, ma anche dare un contributo positivo senza alzare toni e proteste».
 

 


«Saremo leali ma non silenti - ha aggiunto Boschi - faremo le nostre proposte senza proteste senza alzare toni, ma quello della Leopolda è un popolo che va ascoltato». «Mi pare che anche chi ha espresso il premier - ha aggiunto Boschi - stia chiedendo di modificare la manovra e credo sia normale quando si lavora insieme in maggioranza condividere alcune proposte e chiedere di cambiare anche in Parlamento. Di Maio vuole semplificare il regime forfettario delle partite Iva e io sono d'accordo. Noi presenteremo emendamenti per eliminare la sugar tax e vogliamo modificare Quota 100. Nessun ultimatum al governo ma proposte, che arrivano da questi tavoli della Leopolda».
 

«A fine legislatura saremo avversari M5S,nessuna alleanza strutturale». «Non siamo più vicini» nè a Zingaretti nè a Di Maio. «Credo che siamo alleati leali di un governo in cui vogliamo anche poter far sentire la nostra voce, soprattutto di migliaia di persone che sono alla Leopolda a lanciare proposte, idee in modo costruttivo. Poi sono convinta, e lo ribadisco, che questa alleanza di governo è a termine, fino alla fine della legislatura. Poi saremo avversari» con i Cinque stelle «alle prossime elezioni politiche e credo che questo ci differenziamo in modo netto dal Pd, da Zingaretti perchè non siamo per un'alleanza strutturale col M5S. Forse sembrerebbe che il Pd sia più vicino al M5S di noi, perché sono loro che propongono l'accordo, non noi». Lo ha detto Maria Elena Boschi parlando con i giornalisti alla Leopolda.

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 19:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA