MARIO DRAGHI

Mattarella bis, il giuramento: dall'arrivo in auto ai 21 spari al Gianicolo, le tappe della cerimonia

Lunedì 31 Gennaio 2022
Mattarella bis, il giuramento: dall'arrivo in auto ai 21 spari al Gianicolo, le tappe della cerimonia

Sergio Mattarella è stato rieletto presidente della Repubblica. Un'elezione arrivata all'ottava votazione nella giornata di sabato. La riunione del Parlamento in seduta comune per il giuramento e il messaggio del Presidente della Repubblica si terrà invece oggi giovedì 3 febbraio alle 15.30. Ecco come funzionerà.

 

 

 

 

La cerimonia

Il segretario generale della Camera si reca nella residenza dell'eletto, che a bordo di un'auto della Presidenza della Repubblica raggiunge la Camera, mentre suona la campana maggiore del palazzo di Montecitorio. Al suo arrivo, l'eletto viene salutato sulla piazza dal picchetto d'onore, quindi fa il suo ingresso nel palazzo accolto dai presidenti della Camera e del Senato. Dopo una breve sosta nella sala del Governo, Mattarella, accompagnato sempre dai presidenti dei due rami del Parlamento, attraversa il Transatlantico dove sono schierati gli assistenti parlamentari in alta uniforme ed entra in Aula, dove sono ad attenderlo senatori, deputati, delegati regionali, presidente del Consiglio e componenti del Governo. L'emiciclo è ornato con drappi rossi e ventuno bandiere tricolore.

 

Il Capo dello Stato sale sul banco della presidenza e prende posto alla destra del presidente della Camera. Aperta la seduta, viene invitato a prestare giuramento e recita la formula: «Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione». Contemporaneamente vengono sparate 21 salve di cannone e la campana di Montecitorio torna a suonare.

 

MESSAGGIO - Il Presidente della Repubblica prende posto al centro del banco della presidenza e rivolge il suo messaggio al Parlamento.

 

OMAGGIO ALL'ALTARE DELLA PATRIA - Terminato il discorso, il Presidente della Repubblica lascia l'Aula accompagnato dai presidenti di Camera e Senato e raggiunge l'atrio di Montecitorio, dove trova ad attenderlo il presidente del Consiglio e il segretario generale del Quirinale. Quindi sulla piazza di Montecitorio riceve gli onori militari e si reca all'Altare della Patria, dove, accompagnato dal presidente del Consiglio, rende omaggio al Milite Ignoto.

Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio, 14:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento