Macerata, Mattarella: senza senso di comunità si arriva alla violenza. La Ue: attacco ai nostri valori

L'Italia «ha bisogno di sentirsi comunità, senza diffidenza. La mancanza di senso di comunità porta a diffidenza, intolleranza e a volte alla violenza». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando al Quirinale con quello che è parso un chiaro riferimento alle vicende di Macerata.

«Questo senso di vita di comunità, del bene comune, dell'importanza della condizione degli altri è fondamentale», ha aggiunto il presidente Sergio Mattarella dopo aver consegnato al Quirinale le onorificenze al merito della Repubblica a trenta cittadini italiani scelti per il loro impegno civile. Ciitadini, laici e anche sacerdoti premiati dal capo dello Stato per l'impegno in attività di solidarietà e particolari gesti di eroismo e testimonianza.

«Oggi viene un ringraziamento da parte mia e dell'intero Paese a tante persone che, senza mai cercare la luce dei riflettori, hanno compiuto gesti di coraggio cercando di conseguire il bene comune. Il vostro comportamento è prezioso - ha aggiunto Mattarella - perchè ha dimostrato che il nostro Paese esprime un senso di comunità. E il nostro Paese - ha sottolineato - ha bisogno di sentirsi comunità». Altrimenti, è il ragionamento, cresce «la diffidenza, l'intolleranza e, a volte, anche la violenza».

«Un attacco volontario ai nostri valori fondamentali, un tentativo di distruggere il tessuto che ci lega come europei». Così il vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans su Twitter commenta il raid di Macerata, affermando: «È nostro dovere condannare questa violenza e la spregevole ideologia alla base». «Sei persone sono state» bersaglio di una sparatoria «in Italia nel weekend a causa del colore della loro pelle - scrive -. Vittime innocenti di una violenza causata da razzismo e xenofobia odiosi».
Lunedì 5 Febbraio 2018, 18:32 - Ultimo aggiornamento: 06-02-2018 12:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP