Migranti con lo stipendio da 1.500 euro al mese e intascavano pure gli aiuti di Stato

Lunedì 28 Settembre 2020 di Marco Agrusti
Migranti con lo stipendio da 1.500 euro al mese e intascavano pure gli aiuti di Stato

Continuavano a percepire l’assegno sociale che spetta di diritto ai richiedenti asilo indigenti. Ma indigenti non lo erano più, dal momento che in provincia di Pordenone avevano trovato un lavoro, in alcuni casi in grado di garantire loro anche 1.200-1.500 euro al mese. Secondo la norma che regola l’accoglienza dei migranti in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato, appena il reddito mensile supera l’assegno sociale, scatta immediata l’uscita dal sistema dell’accoglienza e il singolo richiedente asilo smette di essere a carico dello Stato. Ma era proprio questo il tassello mancante: un centinaio di migranti, infatti, non aveva mai dichiarato alla Prefettura di aver trovato un lavoro e continuava a percepire sia l’assegno sociale che il reddito da dipendente.

È stato l’ex prefetto di Pordenone, Maria Rosaria Maiorino, a pretendere un’intensificazione dei controlli sulle mancate dichiarazioni legate all’avvio dell’attività lavorativa dei migranti e a “smascherare” chi sommava redditi e assegni senza averne diritto. Il resoconto stilato dalla Prefettura riguarda un’attività durata più di un anno. 

Migranti, Di Maio: «Tunisini non hanno diritto di venire, non fuggono da guerre». Lega: presi in giro

Covid, emergenza sulla nave Margottini: 47 militari positivi, 4 ricoverati a Siracusa

 

La stretta


Quando nel 2018 Maria Rosaria Maiorino è diventata prefetto di Pordenone, in provincia erano ospitati 938 richiedenti asilo. Oggi sono circa 300, tra accoglienza diffusa e hub della Comina all’ex caserma Monti. Il calo è stato provocato dalla riduzione degli arrivi - ripresi solo negli ultimi mesi lungo la rotta balcanica - da una politica restrittiva sul fronte dei permessi umanitari ma anche dall’operazione di controllo sui lavoratori “nascosti”. Più di cento persone negli ultimi dodici mesi si sono viste revocare il diritto all’accoglienza (e quindi al sussidio) proprio a valle della stretta messa in campo dalla Prefettura. Ogni richiedente asilo, infatti, per conservare il diritto all’assegno sociale dev’essere in condizioni di indigenza. E nel caso in cui riesca a trovare un’occupazione remunerativa, è tenuto a comunicarlo alla Prefettura, un passaggio che però in molti casi è “saltato”. Solo grazie a una maggiore capacità di controllo è stato possibile regolarizzare le singole situazioni, tappando così una falla che generava un’emorragia di denaro pubblico non giustificata. I richiedenti asilo che percepivano illegittimamente il doppio compenso sono stati espulsi dal sistema dell’accoglienza, ma continueranno il loro percorso giuridico sino al riconoscimento (o meno) dello status di rifugiato. 
 

I casi


Perlopiù afghani, pakistani oppure originari dell’Africa Sub-sahariana, nella maggior parte dei casi i migranti con in mano un contratto di lavoro avevano trovato un impiego in fabbrica o nell’agricoltura. Braccianti, operai, tutti mestieri fatti di fatica e di turni “scomodi”. I compensi, però, arrivavano anche a 1.500 euro. Cifre che non giustificavano la permanenza nel circuito dell’accoglienza, che oltre al vitto garantisce anche l’alloggio gratuito. 

 

 
 
Video

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 08:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA