CORONAVIRUS

Coronavirus. Bonaccini: «Sarà marzo molto difficile. In zona rossa chiuse anche elementari»

Domenica 28 Febbraio 2021
Coronavirus. Bonaccini: «Sarà marzo molto difficile. In zona rossa chiuse anche elementari»

Coronavirus, Il presidente della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, ospite a "Non è la D'Urso" su Canale 5, ha parlato del pacchetto che il comitato tecnico scientifico consegnerà al governo e, soprattutto, della stretta cheb attende l'Emilian Romagna. «Una delle novità dovrebbe essere che nelle zone rosse si chiude dalle scuole elementari e non più solo dalla prima media alle superiori. E anche in zone arancioni dove il contagio è molto alto, sopra i 250 contagi su 100mila abitanti, e dove la trasmissione nell'ultima settimana è molto elevata, si possono prendere decisioni».

Covid a Roma, assembramenti al centro e sul litorale: 40 multati. Chiusure a Monti e Trastevere

Assembramenti a Milano, alla Darsena chiuso l'accesso per 40 minuti

Bonaccini: marzo difficile

«Sarà un marzo molto difficile. La terza ondata che ha già colpito la Germania, l'Inghilterra, la Francia, sta colpendo una parte d'Italia, tra cui l'Emilia-Romagna». Lo ha detto il governatore Stefano Bonaccini, a 'Non è la D'Ursò su Canale 5. «Io ho il dovere di prendere decisioni. Siamo qui per ascoltare, per discutere con tutti. Ma la politica, in primo luogo, di fronte ai problemi e ai drammi, ha il dovere di decidere. E quindi saremo pronti a ogni restrizione per tutelare le persone e far riabbassare la curva che sta risalendo in maniera molto pesante e poi per avere primavera e estate che possa andare in maniera migliore».

Belen alla festa senza mascherina: follie a Milano prima del ritorno in zona arancione

Bonaccini, il tema ristori

«Gli spostamenti saranno bloccati fino a fine marzo, tra le regioni, anche in zona gialla e su questo eravamo d'accordo anche noi. Poi verrà mantenuto il sistema a fasce, seppur in zone rosse potrebbero esserci restrizioni più robuste così come in zona gialla, dove i contagi sono meno diffusi, ci saranno novità: ad esempio, dal 27 di marzo, la riapertura di cinema e teatri, con contingentamenti, uso delle mascherine. Laddove c'è la possibilità di essere meno preoccupati, ricominciare a dare ossigeno a quelle attività che purtroppo vedono cittadini, lavoratori e imprese che rischiano di andare nel dramma». Lo ha detto Stefano Bonaccini intervenendo a 'Non è la D'Ursò su Canale 5, parlando delle novità contenute nel nuovo Dpcm. Poi, ha confermato Bonaccini, «non ci sarà più la comunicazione di una decisione solo poche ore prima, il caso limite è quello delle piste da sci». Inoltre, come Regioni, «avevamo chiesto la convocazione, e ci è stata data, di un tavolo tecnico per la rivisitazione dei 21 parametri» sulle fasce. Infine, «avevamo chiesto che ci fosse nel prossimo decreto ristori che non si andasse più per codici Ateco, ma per percentuali di fatturato». E da ultimo «abbiamo chiesto e ne ho parlato con i ministri Bonetti, Gelmini e Franco, che venga rimesso il finanziamento per i congedi parentali e i lavoratori autonomi che hanno i figli che per motivi di restrizione non vanno a scuola».

Vaccino italiano Takis-Rottapharm, via a test sull'uomo: ecco perché è diverso da tutti gli altri

Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA