La Mussolini spiazza tutti: «Sono per le unioni civili, ci vogliono anche per gli etero»

Mussolini: «Cirinnà e il cartello
«Il cartello "Dio, patria, famiglia che vita di merda" della Cirinnà? Ha ragione! Viva la Cirinnà!». Alessandra Mussolini, intervistata da La Zanzara su Radio 24, spiazzato tutti. Il cartello che ha fatto infuriare dall'estrema destra al Pd, piace alla nipote del Duce.

LEGGI ANCHE Scontro al Senato Pillon-Cirinnà sul questionario "anti bullismo omofobico"

La Mussolini parla della “legge Cirinnà”, sulla regolamentazione delle unioni civili. «Ho letto quella legge e non è male, è molto elastica. Ma magari fosse stata fatta anche per le coppie eterosessuali, perché è più laica, più soft e più bella di quanto prevede il matrimonio». Di diverso parere Salvini che aveva twittato in proposito.
 
Gli elogi non finiscono, visto che parlando con i conduttori del programma Cruciani e Parenzo, la Mussolini ha paragonato la senatrice del Pd, a Emma Bonino. «Viva la Cirinnà. Brava la Cirinnà, anche se si poteva spingere oltre. Il cartello con la frase “che vita di merda”? Ma su, ci sta, perché in fondo ci sono dei condizionamenti pazzeschi. In Italia siamo troppo condizionati. La Cirinnà è un po’ la Bonino dei tempi nostri». 
Giovedì 14 Marzo 2019, 13:48 - Ultimo aggiornamento: 14-03-2019 15:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP