Guerra di camorra a Napoli, intervista a Salvini: «Presto altri 600 poliziotti, io rispondo con i fatti»

ARTICOLI CORRELATI
di Giuseppe Crimaldi

17
  • 1170
«Napoli è una delle città, ma forse la città nella quale abbiamo investito di più in Italia. In dieci mesi di governo sono venuto quattro volte, ho presieduto tre comitati in Prefettura e ho visitato Afragola. Prima dell'estate tornerò ancora. A chi fa solo polemica sulla sicurezza io rispondo con i fatti». Matteo Salvini non si sente tirato per la giacca, ma di fronte all'emergenza criminalità riesplosa nel capoluogo campano con un omicidio di camorra commesso risponde con i dati alla mano e, soprattutto, con un impegno: «A breve Napoli avrà i rinforzi promessi: e arriveranno 600 nuovi poliziotti».

Quando si realizzerà il progetto della super-questura?
«Oggi il questore De Iesu ha esposto puntualmente la situazione: a Napoli sono già arrivati 100 nuovi agenti e 53 carabinieri, solo poche altre città hanno ottenuto tanto. La nuova Questura di Napoli, a pieno regime, potrà disporre di 600 uomini in più. Le assunzioni e la formazione sono già partite, occorre adesso ovviamente formare gli agenti e metterli in ruolo. Entro l'anno - a livello nazionale - saranno circa 2500 i nuovi poliziotti».

Già, ma intanto qui si continua a sparare e ad uccidere. E ci sono ancora zone della periferia, come San Giovanni a Teduccio e il Rione Villa, dove mancano le telecamere.
«Ho il quadro completo della situazione, oggi mi sono fatto dare i dati su videosorveglianza, sicurezza urbana scuole sicure, strade sicure e rinforzi di polizia. Oltre agli agenti già inviati, bisogna aggiungere 50 vigili urbani ottenuti grazie al decreto sicurezza e 700 militari. Sulla videosorveglianza abbiamo investito 40 milioni. Per carità, si può fare di più, tutto è perfettibile, ma questi sono i numeri. E i fatti».

Intanto ieri il parroco del Rione Villa e la preside della scuola «Vittorino da Feltre» hanno lamentato scarsa attenzione da parte delle istituzioni rispetto alla sicurezza nelle periferie. Che cosa risponde loro?
«A loro rispondo con altri dati, freschissimi. Riguardano i controlli sul solo quartiere di San Giovanni a Teduccio, teatro di quel feroce omicidio sotto gli occhi di un bimbo di tre anni e mezzo. Ebbene: da ottobre a oggi in quel quartiere abbiamo impegnato, solo come Polizia di Stato, 1200 pattuglie; sequestrato un chilo e mezzo di droga, più di 20 armi ed eseguito 120 tra arresti e denunce. Io sono stato al Vasto due volte, e anche lì abbiamo operato con i fatti, tanto che oggi ci sono almeno 300 immigrati in meno. Al parroco e alla preside, come a tutta la gente perbene di San Giovanni chiedo di non perdere la speranza. Ma dico anche che è fondamentale la reazione dei cittadini: è fondamentale che le mamme portino i bambini al doposcuola, nonostante le minacce; ai commercianti ricordo che è fondamentale denunciare senza arrendersi mai, perché noi siamo al loro fianco».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 11 Aprile 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 11-04-2019 16:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-04-11 14:35:53
"Salvini salvaci!" o "salvaci Salvini!"..........amletico dubbio.......non dormirò stanotte...........
2019-04-11 13:10:44
Questa storia dei polizziotti mi sembra come quella delle accise dei carburanti.
2019-04-11 12:56:33
mandate leggi che puniscono non poliziotti costretti a girare a vuoto
2019-04-11 12:49:24
"PRESTO" 600 poliziotti.... ma poi me li ripiglio !
2019-04-11 12:47:41
Caro San Gennaro tu che ogni mese di settembre (O quasi ) ti presentano con il miracolo del sangue ...per una volta puoi fare il miracolo di cambiare i cuori della malavita che paralizza la tua cita !...... Un cuore come Gesù Insegna (nei quattro Vangeli )

QUICKMAP